TERZA PAGINA


Vai ai contenuti

LE NOTIZIE DI APRILE 2018

PD,E' L'ORA DELLA RESA DOPO LE DICHIARAZIONI DI RENZI
FEDRIGA VOLA NEL FRIULI,
IL M5S SOLO SOPRA IL 7%

DI MAIO DELUSO:"ANDIAMO
A VOTARE A GIUGNO"


di Luca Berni
(30-4-2018) Arriva il verdetto anche del Friuli Venezia Giulia e per Di Maio è la terza doccia fredda difficilmente digeribile(foto dal web La vittoria di Salvini e la delusione di Di Maio).L'ultimo risultato regionale,dopo quello del Molise,lo pone poco sopra il 7% e per Alessandro Fraleoni Morgera è una goccia nel mare del Centrodestra che va oltre le aspettative e si piazza al 57,1% eleggendo a governatore del Friuli il candidato leghista Massimiliano Fedriga.Se i 5S sono l'ombra del 4 marzo,che sono passati dal 24,6% delle politiche a poco sopra il 7%,mentre sconfitta netta per il Pd,seconda col 26,8% ma col risultato di lista intorno al 18%.Di Maio è furioso ed è la logica conseguenza del risultato del Friuli ma anche della bordata di Renzi che "A che tempo che fa" da Fazio,la domenica sera,ha chiuso ogni trattativa col M5S sia per i temi da sviluppare ma soprattutto per le ingiurie che i pentastellati hanno rivolto al partito di Renzi per 5 anni una situazione,comunque,che crea divergenze tra Renzi e il reggente Martina mentre il partito è alla resa dei conti.Per il leader del M5S è un'autentica disfatta,perdente su tutti i fronti.Per uscirne ancora in piedi Di Maio in un video su Facebook chiede di andare nuovamente alle urne,il più presto possibile.Poi dice:"Vergogna partiti,pensate solo al vostro orticello".Ma nel Centrodestra c'è altra musica.La vittoria del FvG mette le ali alla coalizione e chiede a Mattarella fiducia per il governo e Silvio Berlusconi sottolinea la portata della vittoria:"E' una ragione in più per affidare al Centrodestra la guida del governo nazionale".



LA MORTE DI ALFIE,PAPA FRANCESCO:"LA SCIENZA HA DEI LIMITI DA RISPETTARE"
PALLONCINI BLU E VIOLA VERSO IL CIELO PER L'ULTIMO SALUTO AL GLADIATORE

di Lello Leo Cortes
(28-4-2018) Hanno pianto e hanno gridato con dolore e rabbia i tantissimi sostenitori di Alfie Evans quando hanno saputo che il piccolo Alfie Evans(foto dal web) era morto.La notizia è stata data dai genitori sui social e da quel momento in poi ci sono stati momenti di commozione e in tantissimi hanno cantato 'You'll Never Walk Along" mentre volavano palloncini blu e viola per l'addio finale al "piccolo gladiatore".Distrutti e col cuore spezzato i genitori,Thomas Evans 21 anni e Kate James 20 anni,hanno ricordato il piccolo che non è stato mai abbandonato e anzi è stato sostenuto da tanta gente e da quanti,nel mondo,hanno voluto tributargli la profonda vicinanza.E' il momento del lutto e del pianto,ci sarà tempo per parlare della sanità del Regno Unito,che non concede tregua ai malati soprattutto a quelli in condizioni disperate,ma anche dei medici e dei magistrati che non amano i malati terminali.Sono momenti terribili e la situazione fa riflettere e pone grandi interrogativi.Il caso Alfie ha sconvolto gli animi e lo stesso Papa Francesco si è adoperato perchè il piccolo venisse curato in Italia al Bambino Gesù a Roma.Francesco è sempre stato in prima fila in difesa del diritto alla vita mettendo in evidenza lo "sforzo di ricerca e di applicazione volto alla cura delle persone sofferenti".


"S.EFISIO",IL LIBRO DI ENNIO
PORCEDDU E AUGUSTO MACCIONI

IL SANTO PIU' AMATO DEI SARDI
CHE SCONFISSE LA PESTE NEL 1652


(28-4-2018)Il libro "Sant'Efisio" di Ennio Porceddu e Augusto Maccioni è un testo utile in occasione della ricorrenza del prossimo 1^ maggio quando Cagliari ricorderà il Santo più amato dei cagliaritani che pose fine alla peste del 1652."Ecco perché il 1 Maggio Cagliari- scrivono gli autori- si veste a festa per il suo Santo e per le vie del suo passaggio,dalla chiesetta storica di Stampace fino al Municipio in via Roma per poi proseguire nel luogo del martirio di Nora,c'è gioia e grande partecipazione come di un figlio che ritorna dopo tanto tempo e dopo che si pensava disperso. S.Efisio è tornato,ritorna ogni anno anzi è sempre con noi ma è significativo rivederlo tra due ali di folla trascorrere momenti felici con i suoi cittadini".Per prenotare il libro scrivere a : terzapagina_2006@libero.it.



LA SVOLTA DI KIM JONG-UN:"BASTA
TEST ATOMICI E MISSILISTICI"

IMPEGNO SU DENUCLEARIZZAZIONE,
VERTICE STORICO FRA KIM E MOON
PACE VERA CON TRUMP?

di Lea Dixon
(27-4-2018) E' il primo summit di Kim Jong-un e Moon Jae-in(foto dal web) e non è un incontro nè di cortesia nè di amicizia sportiva ma di vero impegno,almeno così si spera,verso una pace duratura tra la Corea del Nord e la Corea del Sud.I due leader si sono incontrati alla Casa della Pace a Panmunjom nella zona smilitarizzata tra le due Coree e hanno sottoscritto,dopo 65 anni,un impegno di pace che obbliga entrambi ad avere come "obiettivo la completa denuclearizzazione della penisola".E' un giorno storico che i due leader hanno assaporato e condiviso in una giornata costellata di diversi avvenimenti tra sorrisi e dialoghi,strette di mano e molta simpatia.Tutto vero,nessuna restrizione e senza convenevoli.C'è la voglia,insomma,di sotterrare l'ascia di guerra nei confronti della Corea del Sud con la speranza che ci sia la pace e non missili anche nel futuro della scena mondiale.Un sospiro di sollievo da parte di tutti e finalmente c'è l'ossigeno della pace dopo decenni di polemiche,di veleni e di azioni snervanti che hanno toccato la guerra nucleare l'anno scorso.Le dichiarazioni sono avari di dettagli c'è solo un progetto che pone fine alla guerra ma non ci sono specifiche nella tempistica e nelle questioni che riguardano i siti dell'armamento nucleare.Tutto dovrebbe essere rimandato all'incontro del grande vertice tra Kim e il presidente Trump e in quella occasione ci saranno i dettagli dell'azione di pace.Non siamo ancora alla nascita di un'unica Corea,ci vorrà del tempo ma in questo momento non ci sono le condizioni per affrontare l'argomento.Ancora silenzio sulle motivazioni che hanno mosso Kim Jong-un a intraprendere questa mossa sicuramente c'è un Paese,la Corea del Nord,distrutto,lacerato nella vita di tutti i giorni con una popolazione allo stremo per far posto alle altissime spese militari.Kim ha bisogno di tregua,forse non una pace duratura ma un tempo necessario per mettere nelle condizioni migliori il suo Paese anche con l'apporto di finanziamenti esteri e una collaborazione stretta,dal punto di vista economico e turistico,con la Corea del Sud.I due Paesi hanno dichiarato la fine dei 65 anni di guerra e aspirano a sostituirlo con un trattato che deve essere firmato anche dagli Stati Uniti perchè la fine della guerra tra Nord e Sud nel 1953 fu firmato dagli Usa.Se si sta arrivando ad una pace tra le due Coree e tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti il merito è anche per le pressioni della Cina,del Giappone e per molti versi anche della Russia.Tutti,in pratica,chiedevano da tempo uno sforzo diplomatico per arrivare a gesti che mettevano in condizioni il paese di Kim a una pace duratura.Oggi il giorno storico,fra un mese l'accordo più ampio tra il presidente nordcoreano e Trump.


PER I MEDICI "ALFIE EVANS STA MORENDO,
NIENTE TRASFERIMENTO IN ITALIA"

I GENITORI:"BASTA ACCANIMENTO,
ADESSO TREGUA" PER PERMETTERE PIU' SERENITA' AL BAMBINO


di Lello Leo Cortes
(26-4-2018) Forse non c'è più niente da fare o forse no.Il fatto che il piccolo Alfie Evans voglia vivere,e si è visto che per 48 ore il piccolo ha vissuto senza le macchine di sostegno,significa che è necessario dare credito a una situazione diversa da quella nella quale ha vissuto il piccolo da quasi 2 anni.Il padre di Alfie ha anche detto che c'è una sorta di accordo tra medici e giudici per far morire il piccolo in ospedale e sottrarlo alle cure di un ospedale italiano.Il giorno dopo però lo stesso genitore chiede responsabilità e aiuto ai medici per fare "l'impossibile" per salvare il piccolo Alfie.Insomma si rimette al centro il bambino,la sua malattia e le cure per salvarlo.E in questo ultimo caso è assurdo non pensare a un ospedale fuori dal Regno Unito,nel caso specifico all'ospedale Bambino Gesù di Roma, che ha la struttura, la cultura della vita e l'umanità necessarie per curare e portare serenamente all'ultimo giorno il piccolo Alfie senza accanimento e senza quella burocrazia che soffoca e distrugge la vita umana.Il padre di Alfie,Tom,chiede tregua e vuole che i manifestanti "tornino alla vita di tutti i giorni e permettere a se stesso e alla madre di creare una relazione e costruire condizioni per il bene del piccolo".


NUOVO RICORSO PERCHE' ALFIE STA "LOTTANDO" PER SOPRAVVIVERE
IL GIUDICE CHIUDE OGNI
SPERANZA:"STA MORENDO"

CACCIATI I PILOTI CHE DOVEVANO TRASPORTARE IL PICCOLO IN ITALIA

GUARDATE LA FOTO:VI SEMBRA CHE IL
PICCOLO ALFIE EVANS "DEBBA MORIRE"?

di Lello Leo Cortes
(25-4-2018) Dopo la decisione del giudice della Corte d'Appello che spiazza la speranza dei genitori che vedevano il loro Alfie Evans(la foto ritrae la madre Kate James che culla il figlio all'ospedale Alder Hey di Liverpool dopo che i medici avevano ritirato il supporto vitale al figlio che però ha vissuto in maniera normale quasi 48 ore dopo) verso l'Italia per le cure necessarie per la sua malattia,arrivano i momenti drammatici che sono stati esternati dallo stesso giudice che aveva chiesto più tempo per il piccolo inglese e che adesso ha chiuso ogni aspettativa di vita perchè Alfie "sta morendo".E' un verdetto che non lascia speranza e che riporta tutta la situazione a come era tempo fa con un bambino aiutato dalle macchine perchè debilitato e in fase terminale per un male incurabile e con dei genitori che non sanno più cosa fare perchè ormai tutte le porte si stanno chiudendo.La frase,infelice e carico di profondo dolore per un caso che ha scosso l'opinione pubblica mondiale,mette nelle condizioni di sfidare la magistratura e i medici perchè,dicono i genitori,il piccolo Alfie ha risposto in maniera quasi normale al distacco dei macchinari salvavita,quindi c'è stato un miglioramento e il piccolo Alfie "respira" e ha voglia di vivere.Per i giudici non basta e la condizioni del piccolo è sempre in fase terminale e "sta morendo" quindi deve rimanere ricoverato all'ospedale Liverpool fino a quando ci sarà un'altra decisione della magistratura che porrà fine alla sua vita.E non c'è neanche la possibilità di trasportarlo in Italia,all'ospedale Bambino Gesù di Roma.L'ambulanza aerea che stava in standby all'aeroporto di Liverpool è stata obbligata ad andarsene e i piloti tedeschi pronti a portare il piccolo in Italia sono stati cacciati con un provvedimento assurdo.E c'è anche la minaccia di far causa ai tre medici dell'ospedale Alder Hey Hospital di Liverpool per "cospirazione finalizzata all'omicidio del figlio" anche se si continua a sperare cercando di fare presto e di non lasciare nulla di intentato.In pratica i genitori del piccolo Alfie chiedono con forza:"salvate nostro figlio".

CONSULTAZIONI PD -M5S,MARTINA:
"GOVERNO ALLE NOSTRE CONDIZIONI"

GLI ELETTORI GRILLINI
IN RIVOLTA:"MAI COL PD"

SALVINI MALIZIOSO:"SI PARLA DEI DEM AL GOVERNO E TORNANO I MIGRANTI"

di Luca Berni
(24-4-2018) Altro giro di consultazioni col presidente della Camera che sembra più determinato a trovare una soluzione per formare un nuovo governo(foto dal web Il leader della Lega Salvini).Dalle indicazioni del presidente Mattarella,Fico ha già raggiunto il suo obiettivo portando il M5S ad un accordo col Pd,quel partito che voleva stare a tutti i costi all'opposizione,che aveva sempre detto "mai con i grillini" e nella passata legislatura avevano inscenato battaglie dure su molti temi del programma dem contro il movimento di Di Maio.Improvvisamente il leader grillino ha deciso di chiudere il forno col Centrodestra e in modo particolare con Salvini e ad aprire col Pd del reggente Maurizio Martina che però detta priorità e programma per fare l'accordo.Si farà,dice Martina,solo con l'ok della direzione Pd ma il "contratto" sembra già siglato anche se gli attivisti dei 5S non sono d'accordo e su internet volano insulti tipo:ho votato 5S,se avessi saputo dell'accordo col Pd avrei votato nuovamente Renzi;oppure:il mio voto,con questo accordo col Pd,è stato buttato al vento.Frasi al vetriolo,polemiche e molte accuse scatenate che offrono il termometro dell'attuale situazione politica,con Di Maio nella stretta finale col Pd di Martina e di tanti altri,perchè i dem sono tante correnti e tanti esponenti di prestigio come Renzi e Boschi.E a proposito dell'accordo l'ex segretario ha già fatto sapere che non ci sarà un M5SPd,in pratica si continuerà a stare all'opposizione a meno che,sembra,non si riveda in toto i termini del programma e dei nomi a iniziare dal premier.Il Pd,insomma,rientra alla grande e se pur sconfitto darà le carte per portare i 5S al governo,ma il prezzo da pagare per Di Maio potrebbe essere molto salato.Il leader dei 5S però ha fatto sapere che se non dovesse andare in porto l'accordo col Pd chiederà il ritorno alle elezioni(lo aveva detto anche Salvini tempo fa).Adesso si aspettano gli sviluppi,intanto però il Centrodestra è più unito che mai ed è pronto a proporsi per formare il nuovo governo nel caso del fallimento del "contratto" M5S-Pd.L'incarico di Mattarella a Salvini è questione di qualche giorno e tutto fa pensare che ci sarà un cambiamento politico repentino,con Grillo che sicuramente farà fuori Di Maio dopo i suoi fallimenti nelle due consultazioni.E sul tema caldo di questi giorni col ritorno biblico dei migranti nel nostro Paese,Salvini ha detto maliziosamente:"Si parla di Pd al governo e tornano i clandestini..."

CORSA CONTRO IL TEMPO PER
SALVARE IL PICCOLO ALFIE EVANS

L'ITALIA CONCEDE OSPEDALE E CITTADINANZA,MA MAGISTRATURA E MEDICI INGLESI PRONTI A STACCARE LA SPINA

di Lello Leo Cortes
(23-4-2018) Si fa festa in Inghilterra per il terzo figlio di Kate Middleton e William(
foto dal web a destra) si piange e si prega,tra polemiche e manifestazioni,per la sorte di Alfie Evans(foto dal web a sinistra) che doveva "essere ucciso" nel primo pomeriggio del 23 aprile,proprio nello stesso giorno della nascita del terzo "Royal Baby".Un accostamento improprio e anche indelicato ma meritevole di attenzione perchè la vita e la morte,nel caso di due bambini, dovrebbero avere diritti sacrosanti mentre invece non è così e per i genitori il dramma si unisce al fatto che per loro il piccolo Alfie non è in fase terminale e mostra chiari segni di coscienza.L'ospedale è inflessibile e la vita del piccolo è appesa a un filo.Nel promeriggio di lunedi 23 aprile sono iniziate le procedure per staccare le macchine e portare a morte il piccolo poi c'è stata la sospensione del procedimento e molti indicano che forse c'è qualche speranza.Si è mosso il Vaticano e Papa Francesco in prima persona per chiedere il trasferimento di Alfie dall'ospedale inglese al Bambino Gesù a Roma e per facilitare le procedure amministrative è stato concesso a tempo di record la cittadinanza italiana al piccolo.C'è resistenza e l'ospedale inglese non molla e a nulla sono servite le manifestazioni fuori dall'ospedale,una mobilitazione contro i medici ma soprattutto contro i magistrati che hanno detto chiaramente che la sorte del piccolo è senza speranza per la malattia neurologica degenerativa sconosciuta.Per il piccolo Alfie c'è solo il distacco dei macchinari.I manifestanti gridano,sventolano insegne con scritte a favore di Alfie,mentre i genitori continuano a chiedere una assistenza vitale per Alfie,23 mesi,possibilmente in Italia nell'ospedale Bambino Gesù di Roma dove hanno curato altri bambini che mostravano malattie del genere.E' una corsa contro il tempo ed è questione di ore,mentre si continua a manifestare e a piangere per la vita di Alfie Evans.


LA DECISIONE DI KIM DI PORRE FINE AI TEST NUCLEARI HA SOLLEVATO MOLTE PERPLESSITA'
TRUMP HA PRESO ATTO MA NON E' CONVINTO CHE IL DITTATORE SI ARRENDERA' AL NUCLEARE

di Lea Dixon
(22-4-2018) Gli analisti stanno valutando le parole di Kim Jong-un che in una dichiarazione vuole far pace con gli Stati Uniti impegnandosi a porre fine ai test nucleari.L'intenzione è chiaramente positiva per gli equilibri politici mondiali ma non sono da prendere alla lettera.Donald Trump ha preso atto della dichiarazione di Kim ma ha sollevato perplessità sulle sue intenzioni non prima dell'incontro dei due presidenti fissato tra maggio e giugno in una località ancora da individuare.Secondo il presidente degli Stati Uniti "siamo molto lontani dalla conclusione dei test nucleari anche perchè alle parole adesso ci vogliono i fatti".Molti ritengono che la mossa di Kim sia da accogliere con la speranza che si trovi una distensione globale ma non sembra,ad esempio,che ciò possa avvenire perchè il dittatore nordcoreano è deciso a non eliminare le armi nucleari e i missili esistenti e molti dubbi potrebbero esserci sulla rinuncia dell'arsenale nucleare che la Corea del Nord ha sviluppato in questi ultimi decenni.Bloccare i test non significa dare l'addio alle armi nucleari che potrebbero attivarsi in altre situazioni.Del resto c'è un riferimento datato 2012 quando si pensava ad un accordo sul nucleare poi c'è stato un ripensamento sulla denuclearizzazione col lancio di un razzo a lungo raggio dopo aver accettato una moratoria sui test missilistici.



SVOLTA DEL GOVERNO INDIANO A
SEGUITO DELLE ULTIME VIOLENZE SESSUALI

L'INDIA HA INTRODOTTO LA PENA DI MORTE PER STUPRATORI DI BAMBINI
DI ETA' INFERIORE AI 12 ANNI


di Marco Giovine
(21-4-2018) L'India ha introdotto la pena di morte per gli stupratori di ragazze sotto i 12 anni(
foto dal web Una delle tante manifestazioni).La decisione dell'esecutivo,guidato dal primo ministro Narendra Modi, è arrivata dopo il clamore suscitato dalle ultime violenze sessuali che hanno sconvolto il Paese.L'esecutivo è comunque sotto pressione per estendere le condanne massime per lo stupro sotto i 16 anni ma anche per tutte le donne.Con questa decisione,che di fatto obbliga la polizia a approfondire le indagini di stupro in tempi brevissimi e comunque entro due mesi,l'India si mette al riparo da una situazione che stava diventando esplosivo.E soprattutto per dare un seguito agli stupri che sono avvenuti recentemente da alti funzionari del partito nazionalista indù che avevano,tra l'altro,impedito accertamenti agli organi di polizia.L'ordinanza proposta dal governo e firmata dal presidente non viene ratificata dal Parlamento e ciò al fine di rendere immediatamente esecutiva la decisione del governo.Adesso la strada per individuare gli stupratori è veloce e la decisione per la pena è immediata anche se i tempi spesso non consentono i procedimenti giudiziari considerati troppo lunghi per mancanza di giudici.Basti pensare che una causa civile può durare decenni o anche di più come un caso iniziato nel 1878 e non ancora risolto per lungaggini burocratiche.Gli stupri,comunque,sono all'ordine del giorno.Solo nel 2016 si sono registrati oltre 40 mila casi e i bambini rappresentano il 40% delle vittime.


UN'ALTRA GIORNATA FOLLE ALLA
RICERCA DI UN GOVERNO IMPOSSIBILE
DI MAIO RIBADISCE IL "NO" A BERLUSCONI MA ANCHE ALLA MELONI
DOPO LA CASELLATI ARRIVA FICO,
SI APRE IL FORNO M5S-PD


di Luca Berni
(19-4-2018) Non c'è più l'ultimatum e sembra che il patto M5S e Lega abbia una convergenza più prossima.Non si parla di tempi e neanche di forni aperti o da chiudere.Il secondo giro del presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati(
foto dal web Il Centrodestra unito col presidente del Senato),stando ai protagonisti,ha prodotto qualche spiraglio e le dichiarazioni di Salvini e di Di Maio,subito dopo l'incontro col presidente del Senato,hanno in qualche modo confermato questo avvicinamento ma i fatti stanno invece dimostrando non un chiarimento a livello politico delle posizioni dei 5S e del Centrodestra e quindi della Lega ma una frattura ancora più netta delle posizioni dei protagonisti.Il nodo da sciogliere per Di Maio non è più Berlusconi ma anche Giorgia Meloni,leader dei Fratelli d'Italia,e in senso più largo c'è quel Centrodestra che non esiste perchè esistono i partiti della coalizione e su quelli si fonda il "contratto" che Di Maio intende firmare,sempre da posizione di forza.Il discorso del leader 5S è semplice:fare il premier solo con la Lega di Salvini e mettere in sordina Berlusconi e la Meloni che dovrebbero dare l'appoggio esterno.Piccolo problema:la Lega fa parte di una coalizione ed è il Centrodestra che ha preso il 37% dei voti,una forza più rappresentativa rispetto al M5S che è risultata seconda col suo 32%.Di Maio punta a condurre il gioco sul presupposto che il Pd non affronta ancora aspetti politici e non vuole entrare nella competizione e la situazione favorevole però potrebbe sfuggirgli di mano se Salvini non si sfila dal Centrodestra come vorrebbe il leader dei 5S.Dopo il fallimento della Casellati che doveva mettere d'accordo M5S e Centrodestra,certificando anche la difficoltà del patto o "contratto" tra Di Maio e Salvini la palla passa nuovamente a Mattarella che dovrebbe incaricare il presidente della Camera Roberto Fico,del M5S,per un nuovo mandato esplorativo per verificare le possibilità di un "patto" o "contratto" tra i 5S e il Pd,anche se i dem escludono decisamente ogni forma di alleanza.Tutto potrebbe però cambiare perchè la posizione del Pd non è un partito che ha perso le elezioni ma è invece il perno di un governo che serve e che è doveroso far partire a tutti i costi.E' chiaro che questa posizione può servire al M5S,che però potrebbe sostituire Di Maio con un altro esponente di prestigio,ma anche per il Pd che avrà la possibilità di riprendersi e forse di rivitalizzarsi agli occhi dei suoi elettori.


ULTIMATUM DI DI MAIO A SALVINI:
"DOMENICA CHIUDO UN "FORNO"

FALLITO IL PRIMO GIRO DELLA CASELLATI
M5S:NO A FORZA ITALIA
LEGA:SI A BERLUSCONI


di Gigi Sartori
(18-4-2018) Siamo ancora in campagna elettorale dopo 45/46 giorni dalle elezioni del 4 marzo e si delinea un quasi fallimento il mandato che il presidente della Repubblica ha affidato al presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati che ha già incontrato,come specificato da Mattarella che aveva chiesto l'esistenza di una maggioranza tra il Centrodestra(foto dal web il leader della Lega Salvini) e il M5S,i vari esponenti i quali hanno ribadito le proprie posizioni senza fare un passo in avanti per la formazione del nuovo governo.Il primo incontro col presidente incaricato Casellati è stato Luigi di Maio,leader del M5S,il quale ha ribadito il veto a Berlusconi definendo la coalizione del Centrodestra un "artifizio elettorale" aprendo invece solo per il leader Matteo Salvini che "deve decidersi" da che parte stare dandogli un ultimatum fino a domenica.Subito dopo incontro Casellati-Lega col capogruppo Giorgetti il quale ha detto che la Coalizione è pronta a formare il governo già dall'inizio della prossima settimana però,dice Giorgetti,"devono cessare i veti di Di Maio nei confronti di Berlusconi".Il leader Salvini ha ribadito la posizione della Lega dalla Sicilia,dove si trova per sostenere i consiglieri comunali a Catania,che non molla il Centrodestra ed è "leale con gli elettori".Parteciperà,comunque,al secondo giro di consultazioni della Casellati nella giornata di giovedi 19 aprile ma anche in quella occasione dirà che è pronto a fare un passo di lato a patto che anche Di Maio faccia lo stesso e semprechè non ci sia alcun veto nei confronti di Berlusconi.Anche il leader di Forza Italia è stato ricevuto dal presidente del Senato in un clima cordiale e collaborativo e in quella occasione Berlusconi ha detto che per il suo partito non c'è alcun veto nei confronti di di Maio nè dei 5S.Insomma tutto si può ricomporre e la soluzione della formazione del nuovo governo potrebbe essere a un passo dalla definizione,invece ci sono ancora i veti,questa volta solo di Di Maio che potrebbe far naufragare in maniera clamorosa la nascita del governo.I tempi sono stretti e tutto potrebbe chiudersi entro questa settimana e Mattarella ha due possibilità:far nascere il governo con una alleanza M5S-Pd o con un premier esterno ma anche questa evenienza sembra assai debole.


CAGLIARI,IL DRAMMA DI ROSALIND FRANKLIN IN SCENA AL TEATRO MASSIMO
LA STRAORDINARIA STORIA DELLA
SCIENZIATA CHE DECIFRO' IL SEGRETO DELLA VITA


di Andrea Porcu
(18-4-2018) Un storia appassionante, drammatica, con al centro il segreto della vita.Tra teatro e scienza, va in scena al Massimo di Cagliari una delle vicende più importanti e intriganti dell’umanità. Parliamo di Rosalind Franklin, scienziata inglese, che fu la prima a scoprire il campione del Dna. Una donna molto determinata, amabile e odiabile allo stesso tempo, ambiziosa perfino vigliacca, a detta di alcuni. Un personaggio scomodo e invidiato da altri colleghi, tra cui James Watson che complice un altro scienziato, Francis Crick, si presero immeritatamente i meriti della grande scoperta.Solo anni dopo alla Franklin, che mori’nel 1958 a soli 37 anni, le venne riconosciuto il ruolo fondamentale nella individuazione della struttura del Dna.La commedia racconta gli ultimi anni di vita di Rosalind Franklin, che la videro lottare contro altri cinque colleghi in un percorso scientifico che la portò a fotografare per prima quel campione che da origine alla nostra esistenza.Fin da giovane, la chimica e fisica britannica, laureatasi all’Università di Cambridge, aveva mostrato grande interesse per i misteri della scienza.L’opera teatrale è affidata alla interpretazione e regia di Filippo Dini, volto conosciuto nei palcoscenici italiani e vincitore di numerosi premi. Nei panni della scienziata Franklin troviamo Lucia Mascino, altro volto noto non solo a teatro, ma anche in televisione. Ha partecipato nel ruolo di commissario di polizia nella serie di successo “ I delitti del Barlume” accanto a Filippo Timi.Il testo è scritto da Anne Ziegler. La produzione è del Teatro Eliseo. Gli spettacoli sono in programma da mercoledi 18 fino a domenica 22 aprile.Venerdi negli spazi di Radio X Social all’exma, in via San Lucifero, sempre a Cagliari, con inizio alle 17.30 gli attori incontrano il pubblico.


ADESSO TUTTI I PARTITI
ASPETTANO MATTARELLA

SALVINI APRE A UN PREMIER TERZO,DI MAIO APPREZZA LE PROPOSTE DEL PD

di Luca Berni
(17-4-2018) Non c'è nessun passo in avanti e Mattarella(
foto dal web) dovrà adesso prendere una decisione che per molti versi è scontata,cioè un incarico esplorativo da parte di una figura istituzionale.Il presidente della Republica non ne può fare a meno perchè i numeri non danno ragione nè al Centrodestra(37%) nè al M5S(32%) anche se questa attesa,che va avanti dal 4 marzo,potrebbe favorire adesso il Pd che è stato sconfitto in tutti i sensi e che ultimamente sta riconsiderando il "partito all'opposizione" per passare nuovamente all'attacco e farsi apprezzare,in qualsiasi governo che si intende formare,in alcuni punti del suo programma.Se si parla di Centrodestra non si può parlare di alleanza tra questo partito e il Pd,come la vede Salvini, se si parla di M5S non si può parlare di alleanza tra i grillini e Forza Italia,come la vede Di Maio,che pure si trova nel Centrodestra unito.Il balletto continua e non si trova la luce dal tunnel,lo scenario è rimasto intatto e la campagna elettorale sembra continuare senza avere la responsabilità che è arrivato il momento di dare un governo all'Italia. Mattarella non ne può più e gioca adesso le sue carte.Inizia col presidente del Senato Casellati,ma è la prima mossa.Sicuramente ci sarà anche l'incarico a Salvini e,perchè no,a Di Maio.L'unica possibilità?Due proposte:un premier terzo,come potrebbe sostenere Salvini e forse Mattarella, o,forse la più probabile visto che Di Maio vuole fare "per forza" il premier,il dialogo col Pd per dare un governo al Paese.


BOCCIATO L'ULTIMO RICORSO
DEI GENITORI INGLESI

LA FINE DEL PICCOLO
ALFIE E' ORA PIU' VICINA


di Gesuino Lorrai
(16-4-2018) Continuano le trattative per assicurare al piccolo bambino inglese Alfie Evans,21 mesi,una cura che è venuta meno invece a Charlie Gard,il piccolo morto per mano della Giustizia inglese di qualche tempo fa.E' anche in questo caso una corsa contro il tempo per dare al piccolo inglese un destino che i giudici della Corte d'Appello hanno già programmato.La sua fine è segnata dopo la richiesta,respinta, dei genitori che volevano che i giudici concedessero ad Alfie il permesso di lasciare l'Alder Hey Children's Hospital di Liverpool per andare all'estero e in modo particolare in Italia dove è tutto pronto per ricoverarlo all'ospedale del vaticano del Bambino Gesù di Roma.Anche con Alfie la storia si ripete,dopo averla vissuta con la morte di Charlie Gard,e sembra che nulla si possa fare anche se la coppia di Liverpool tentano di tutto per salvare il loro piccolo.Hanno già perso ogni battaglia per non staccare i supporti vitali del bimbo supplicando l'Alta corte inglese ma anche la Corte europea dei diritti dell'uomo.



SI RAFFORZA LA PACE TRA LA COREA
DEL NORD E GLI STATI UNITI

NIENTE MISSILI NUCLEARI PER LA GRANDE FESTA CHE RICORDA "IL GIORNO DEL SOLE"

di Marco Giovine
(15-4-2018) Il disgelo c'è e sembra che le trattative di pace tra Corea del Nord e Stati Uniti stiano funzionando.Il termometro che volge al bello è stato evidenziato con la grande festa del "giorno del sole" che la Corea del Nord ha celebrato(foto dal web) in grande stile e con tanta fastosità ricordando l'anniversario del compleanno del suo primo leader Kim Il-sung che viene considerato "il sole" e questo evento è celebrato per settimane in tutta la Corea del Nord.Le manifestazioni sono momenti di gioia e di grande attenzione per il suo fondatore.Si ricorda la figura del defunto con immagini,documentari,fuochi d'artificio e film tutti dedicati all'eterno "sole dell'umanità".Ed è anche la prima volta che l'anniversario viene celebrato senza far partire nessun missile,senza mettere in evidenza la grande potenza nucleare della Corea del Nord.Il messaggio di Kim Jong-un è chiaro e mostra particolare attenzione al dialogo che presto ci sarà col presidente americano Trump.L'anno scorso,in piena guerra tra i due presidenti,Kim aveva festeggiato il "giorno del sole" con una imponente parata militare con un nutrito numero di missili tra cui i modelli nucleari Pukguksong-1 e 2 elementi che hanno fatto scatenare l'ira di Trump.Da un pò di tempo è scomparso l'uso del linguaggio estremo da parte dei media della Corea del Nord e non c'è più l'atteggiamento arrogante del suo presidente con insulti ed epiteti che hanno reso battagliero il presidente americano dando l'avvio ad una imminente guerra nucleare che sembrerebbe scongiurata.



ATTACCO ALLA SIRIA,GLI USA
"PRONTI A COLPIRE ANCORA"

L'ONU CHIEDE "MODERAZIONE"
E LA NATO SOSTIENE L'ATTACCO

LA MAY:"E' STATO L'UNICO MODO PER SCORAGGIARE ATROCITA' CHIMICHE"

di Lea Dixon
(14-4-2018) E alla fine i missili sono esplosi sulla Siria(foto dal web).L'attacco promesso dagli Stati Uniti hanno raggiunto gli obiettivi e Trump può dirsi soddisfatto:"Missione compiuta".I siti distrutti sono quelli individuati dal Pentagono e arrivano a una settimana dall'annuncio di Trump a seguito dei raid con agenti chimici sulla città di Douma compiuti dalle truppe di Assad.La reazione degli Stati Uniti è stata decisa e senza mezzi termini e la rappresaglia è stata condivisa dalla Francia e dal Regno Unito(il primo ministro britannico Theresa May ha detto che questo attacco è stato l'unico modo per scoraggiare altre atrocità chimiche) ,mentre non sono stati favorevoli all'azione missilistica Italia e Germania.L'attacco sulla Siria è stato condannato dalla Russia,alleato storico della Siria,che ha detto che "l'attacco senza un mandato del Consiglio di sicurezza dell'Onu è una violazione del diritto internazionale" e ha anche detto che per questo attacco "ci saranno conseguenze".Prese di posizioni dell'Onu che chiede "moderazione" e dialogo mentre la Nato sostiene l'attacco congiunto occidentale.Gli Usa,con Francia e Regno Unito,hanno lanciato oltre 120 missili,ne sono stati intercettati e distrutti almeno 10 dalle varie postazioni siriane,colpendo e distruggendo gli obiettivi legati alle capacità chimiche di Bashar al-Assad.L'Osservazione siriano per i diritti umani ha comunicato che l'attentato ha colpito un centro militare e diversi basi militari alla periferia di Damasco e diverse installazioni dell'esercito a Homs ma senza che ci siano stati morti civili.Per il momento la Russia non sembra essere coinvolta direttamente all'attacco congiunto dell'operazione occidentale e gli analisti ritengono che questa azione non porterà ad una nuova guerra fredda tra Usa e Russia.

NUOVO GOVERNO,MATTARELLA
CERTIFICA LO STALLO DEI PARTITI

NON C'E' ACCORDO TRA LEGA-M5S,BERLUSCONI NON CI STA:"DI MAIO NON PUO' DIRMI COSA DEVO FARE"

di Luca Berni
(13-4-2018) Adesso anche Mattarella,dopo due consultazioni,ha certificato lo stallo in cui si trovano i partiti per la formazione del nuovo governo.Niente alleanze,o "sinergie",e le due formazioni che hanno preso più voti,il Centrodestra col 37% e il M5S col 32%,non riescono a dialogare.Non tanto per il Centrodestra unito(
foto dal web) ma sicuramente tra i due partiti vincenti cioè la Lega e i 5S,perchè tra Di Maio e Salvini c'è il fattore B,quel Berlusconi che c'è e si è fatto vedere con prepotenza.Il messaggio del leader di Forza Italia è chiaro:Berlusconi c'è e non si può fare a meno di lui all'interno del Centrodestra("Di Maio non può dirmi cosa devo fare").Mattarella boccia tutti,non c'è intesa e non ci sono le condizioni per formare un governo duraturo,ciò che serve per gli impegni dell'Europa ma anche per le notizie di guerra in Siria.E' urgente un governo,dice il presidente della Repubblica,e se non si trova un accordo subito,Mattarella prenderà l'iniziativa slegandolo dalle logiche partitiche.Le sue mosse potrebbero essere un incarico esplorativo ai presidenti delle Camere ma anche l'incarico a Salvini,prima,e a Di Maio,dopo,per capire se saranno in grado di formare un governo stabile.Giorni difficili ma saranno importanti per chiudere subito un accordo.

SHOW DI BERLUSCONI CHE NON SI SCANSA:"CENTRODESTRA PRONTO AL GOVERNO"
LA CRISI SIRIANA NELLO STALLO
DELLE CONSULTAZIONI

DI MAIO:"NO A UN GOVERNO
CON BERLUSCONI"


di Francesco Atzeni
(12-4-2018) Il muro c'è ed è stato evidente dopo il secondo giro delle Consultazioni al Colle.Continuano i veti e non ci sono stati passi in avanti anzi si è tornati in campagna elettorale dopo 37 giorni dal responso delle urne del 4 marzo.Centrodestra più che mai unito(
foto dal web) e con Salvini che fa un passo indietro a favore di un premier terzo mentre da registrare un M5S che non arretra di un millimetro con Di Maio che continua a dire che è lui il premier.C'è sinergia con la Lega e Berlusconi deve fare un passo di lato,dice Di Maio dopo le consultazioni con Mattarella,mentre la risposta di Salvini è granitica:si va avanti col Centrodestra unito.Si continua comunque con le frecciatine ed è Di Maio che pizzica Salvini che non vuole staccarsi da Berlusconi e lui,il leader di Forza Italia, risponde con uno show rubando la scena e mandando un siluro ai 5S,senza nominarli,"che non conoscono l'abc della democrazia".E' un Berlusconi inedito,non da protagonista ma di un leader che ha lasciato spazio al leader della Lega che ha preso più voti di lui e i suoi "effetti speciali" confermano il clima che tutto sommato continua ad essere solido anche se ci sono sfumature che potrebbero guastarsi al prossimo giro di valzer.Per il momento tutto è come prima anche se questa volta si sono fatti molti passi indietro e sembra che la situazione non possa migliorare rimanendo inalterati i veti con Berlusconi,da parte di Di Maio,di Salvini per il Pd e Berlusconi per il M5S.In pratica c'è materiale sufficiente per mandare tutti a casa a meno che Mattarella voglia puntare su un terzo premier,cosa non sostenuta da Di Maio.Oggi si chiudono le consultazioni con i presidenti delle Camere e col presidente emerito della Repubblica Napolitano poi Mattarella tirerà le somme.Già la prossima settimana potrebbe salire al Colle il presidente della Camera Fico al quale Mattarella chiederà di esplorare tutti i partiti per verificare maggioranze possibili attorno a un premier condiviso o a una personalità di alto livello attorno al quale si possa far partire un governo di grande respiro.Dietro l'angolo c'è sempre un Pd che potrebbe aiutare non poco il M5S oppure il Centrodestra.Il Pd ha tutto il diritto di non fare nulla e allora la questione è sola una:si torna alle urne.


VENTI DI GUERRA IN SIRIA:"PREPARATEVI I MISSILI STANNO ARRIVANDO"
ALTA TENSIONE TRA RUSSIA E STATI
UNITI,PUTIN REAGISCE:"ABBATTERO' I MISSILI CONTRO ASSAD"


di Lea Dixon
(11-4-2018) L'aria sta diventando irrespirabile,ci sono venti di guerra in Siria.L'esercito siriano sta evacuando le principali basi aeree e installazioni militari e lo stesso dittatore Assad ha lasciato il suo palazzo per raggiungere un luogo sicuro,stesso atteggiamento stanno assumendo i suoi generali che si allontanano dalle zone di guerra per la minaccia di un imminente attacco degli Stati Uniti.La decisione di Trump(foto dal web) è irrevocabile dopo il presunto attentato chimico avvenuto sabato scorso lasciando a terra decine di morti e centinaia di intossicati a Duma,alle porte di Damasco roccaforte dei ribelli di Assad.L'attacco missilistico americano dovrebbe essere sicuro anzi molti analisti ritengono probabile nelle prossime ore e partirà dalle forze navali che Trump ha già fatto predisporre in mare col solo obiettivo di colpire il regime colpevole di aver usato il gas proibito.Lo stesso presidente si era reso protagonista un anno fa di un altro attacco missilistico su Assad colpevole,anche allora,di aver ucciso e ferito tanti innocenti con armi chimiche.Putin è stato avvisato dai suoi servizi segreti ma anche da un twiter di Trump che annunciava l'offensiva di guerra contro il regime siriano:"Preparati,aveva scritto,perchè i missili arriveranno",una ostilità rivolto al partner di Putin,a "qull'animale che uccide la sua gente con il gas e si diverte" indicando il dittatore Assad.Una guerra assurda che il dittatore siriano continua a combattere uccidendo molti bambini e questa volta spazzandoli via con armi chimiche.La punizione di Trump,e dei suoi alleati tra cui l'Italia,dovrebbe essere,anche questa volta,esemplare.Adesso c'è solo il conto alla rovescia.Aveva scritto che tempo 24-48 ore avrebbe preso una decisione,adesso è tutto pronto e manca l'ok per i bombardamenti.Si pensa anche,dicono gli analisti,che questa volta la risposta di Trump sarà più dura per un Assad recidivo.C'è un aspetto nuovo nella circostanza e cioè che questa volta Trump nomina Vladimir Putin ritenendolo corresponsabile del massacro.Putin ha comunque prontamente risposto impegnandosi ad abbattere tutti i missili americani indirizzati in Siria.La paura è che questa escalation potrebbe allargarsi e già si pensa alla Cina che proprio in questo periodo non va molto d'accordo con gli Stati Uniti.



ALTRO GIRO DI CONSULTAZIONI,
GIOVEDI CENTRODESTRA UNITO DA MATTARELLA

ZERO INDIZI PER IL NUOVO GOVERNO,
SALVINI:"M5S - RENZI? MAMMA MIA..."


di Luca Berni
(10-4-2018) Secondo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo(foto dal web Salvini leader della Lega).La convocazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per giovedi e venerdi è necessaria per verificare le possibilità dei partiti per trovare una maggioranza in grado di guidare il Paese e l'intenzione di Mattarella è stabilire se il Centrodestra e il M5S ma anche il Pd siano in grado di fare accordi o "contratti".Il calendario prevede per giovedi gli incontri,tra l'altro, col Centrodestra e,ultimo nella giornata,del Movimento 5 Stelle mentre il giorno successivo,venerdi,Mattarella sentirà anche i presidenti delle Camere e il presidente emerito Giorgio Napolitano.Non si sa se ci sarà un terzo giro di consultazioni,una possibilità che molti analisti già lo prevedono perchè non è ancora chiara la mappatura politica per trovare la quadra per la formazione di un nuovo governo.Sia il Centrodestra che i 5 Stelle non hanno intenzione di accordarsi,Di Maio vorrebbe un "contratto" con Salvini o col Centrodestra ma senza Berlusconi il quale non vorrebbe il M5S lasciando aperto il dialogo con tutti gli altri partiti.I segnali per il nuovo governo comunque ci sono e tutto potrebbe far prevedere che ci sia un accordo sui programmi,pochi per la verità,col Pd anche con Renzi.Berlusconi lo esclude ma anche Salvini che dice alzando la mano "mamma mia" e non chiude definitivamente a Di Maio.Ultimamente ci sono state scintille,litigano non sui programmi ma sulla leadership e Di Maio rivendica il governo e lo stesso fa Salvini col 37% del Centrodestra.Spetterà a Mattarella creare le condizioni per favorire la nascita del governo che tutti escludono a lunga durata neanche nel caso i maggiori partiti fossero d'accordo sul premier esterno.


I PRIMI POLIZIOTTI CINESI,DOPO ROMA
E MILANO
ARRIVANO ANCHE A PRATO:"AIUTERANNO I TURISTI"

(10-4-2018) Dopo Roma,Firenze,Napoli e Milano anche a Prato sarà utilizzata la polizia cinese(foto dal web).L'iniziativa è di reciprocità,agenti italiani si trovano in Cina ad affiancare la polizia cinesi,e in base a questa nuova situazione gli operatori cinesi si troveranno ad assistere i colleghi italiani nel controllo del territorio agevolando,quindi,i turisti cinesi nei rapporti con le amministrazioni locali e con le rappresentanze diplomatiche e consolari.

IN SIRIA TENSIONI AI MASSIMI LIVELLI DOPO LA STRAGE DI DOUMA
TRUMP NON ESCLUDE L'AZIONE MILITARE CONTRO ASSAD PER L'ATTACCO DI GAS IN SIRIA

di Lea Dixon
(9-4-2018) Mosca e Damasco puntano l'indice contro Israele per il raid aereo con otto missili lanciati dallo spazio aereo libanese che hanno colpito tra l'altro un hangar russo e la situazione diventa incandescente dopo la terribile strage di Douma,ultima roccaforte dei ribelli nella Ghouta orientale,avvenuto con un presunto attacco chimico dove sono morte almeno 150 persone.L'ira di Trump(
foto dal web) è deciso e "tutti dovranno pagare un prezzo" e presto,sicuramente fra 24/48 ore,ci sarà la risposta americana.Il segretario alla Difesa James Mattis ha detto che "nessuna risposta è esclusa" intendendo la possibilità che gli Usa agiranno contro il regime di Assad in risposta al possibile attacco di gas velenoso.Questo sospetto è diventata certezza da parte di diverse organizzazioni non governative che hanno riportato la notizia sabato scorso.Il sospetto attacco di gas ha aumentato la tensione nella comunità internazionale attorno al conflitto in Siria e Assad ha negato di aver usato armi chimiche ma la condanna di Trump si estende anche a Russia e Iran per aver sostenuto il regime della "bestia" Assad.Le truppe del dittatore hanno riconquistato la maggior parte della Ghouta e l'offensiva si è rivolta in modo particolare alla parte orientale dove ci sono stati oltre 1600 morti civili con episodi tra i più sanguinosi della guerra che va avanti da sette anni in Siria.

TUTTO E' PRONTO PER L'INCONTRO
TRA TRUMP E KIM KONG-UN

IL DISGELO CONTINUA E SCOPPIA LA PACE,SUL PIATTO IL DISARMO NUCLEARE

di Lea Dixon
(8-4-2018) Tutto è pronto per l'incontro tra Trump e Kim Jong-un,dopo il disgelo avvenuto all'indomani delle Olimpiadi di inverno in Corea del Sud.C'è la data e c'è anche la città per il vertice ma nulla si sa perchè tutto il negoziato è coperto dalla massima segretezza.La notizia arriva dal canale CNN che da molte notizie sull'incontro ma evita di parlare del paese dove si svolgeranno i colloqui.Si sa che il capo della Cia Mike Pompeo e il suo servizio segreto ha condotto per settimane diversi incontri con gli 007 nordcoreani e con loro hanno preparato il protocollo,abbastanza nutrito,per l'incontro che dovrebbe svolgersi tra maggio e giugno in un Paese terzo.Si sanno gli argomenti più importanti quali,ad esempio,il disarmo nucleare della penisola coreana.Kim spinge perchè l'incontro possa avvenire nella sua capitale Pyongyang ma ci sono al riguardo dubbi e perplessità da parte americana.



GERMANIA,FURGONE SULLA FOLLA:
ALMENO 3 MORTI E OLTRE 60 FERITI

"STRAGE COMPIUTA DA UN TEDESCO
CON PROBLEMI PSICHICI"

E' ALLARME TERRORISMO,
POLIZIA NUOVAMENTE SULLE STRADE


di Carla Peis
(7-4-2018) Torna il terrorismo in Germania e anche questa volta,e con la stessa tecnica del furgone lanciato a forte velocità sulla folla,fa una strage nella città di Münster(foto dal web) molto conosciuta per essere,tra l'altro,una delle città universitarie più importanti della Germania.Almeno 3/4 morti e oltre 50 feriti,sei dei quali in gravissime condizioni, lungo la scia del furgone lanciato da Jenes R.,un uomo tedesco di 48 anni,che dopo aver ucciso e provocato tanti feriti si è suicidato.Gli investigatori pensano che a compiere la strage siano state più persone e a questo punto è caccia aperta a due persone sospettate di aver collaborato con l'assassino suicida.La cronaca riferisce che il furgone ha volutamente viaggiato a forte velocità in una strada molto trafficata dove ci sono diversi locali notturni e anche il noto ristorante Kiepenkerl uno dei più popolari della città renana che conta almeno 330 mila abitanti.La polizia dice che la strage è stata compiuta da un tedesco con problemi psichici già conosciuto dalla sanità pubblica.I giornali locali e in modo particolare il tabloid tedesco Bild dicono che gli investigatori sono alla ricerca di possibili esplosivi e comunque tutta la zona è recintata ed è vietata ai visitatori.



CI VUOLE DEL TEMPO PER TROVARE UN'INTESA PER GOVERNARE
MATTARELLA:NON C'E' INTESA,DI MAIO:SI' CON LEGA O PD,SALVINI PUNTA A UN CENTRODESTRA FORTE CON DI MAIO

di Luca Berni
(5-4-2018) Primo giro di consultazioni al Colle e prima reale difficoltà in vista della formazione del nuovo governo(foto dal web Il leader della Lega Salvini ha smesso di fumare).Mattarella è riuscito in due giorni ad avere un quadro della situazione politica e ha inquadrato i segni di distacco soprattutto da parte dei tre schieramenti in campo,ma è ottimista che diverse cose cambino e che partiti,movimenti o coalizioni trovino intese utili per governare.Il presidente della Repubblica è apparso pacato ed è convinto che diversi giorni di riflessione possano essere sicuramente utili per risolvere non solo un problema numerico ma anche la condivisione di un programma che possa essere votato dalla maggioranza per l'ok definitivo di un governo stabile.Di Maio allora come oggi è apparso intransigente convinto che a guidare il governo sia lui e possa imbarcare non il Centrodestra,che lui non riconosce,ma solo la Lega di Salvini col finale che il leader della Lega finirà col fare il valletto dei 5S.Salvini è preciso e non intende mollare:sì a un governo a guida Centrodestra con premier lui e con alleanza 5S.Berlusconi pone altri problemi e,non parlandone,non gradisce chi lo ha sempre scansato mentre invece è attratto dal Pd di Renzi ma quel partito non va a Salvini.Continuano ad esserci veti e le polemiche infuriano proprio nel momento che si dovrebbe pensare ai reali problemi del Paese,ma è importante chi sarà a dettare l'agenda delle riforme.Mattarella ha lanciato una proposta seria:mettetevi d'accordo,ma non sarà facile perchè ci sono veti incrociati e nessuno ha intenzione di avvantaggiare l'altro.La prossima settimana si saprà qualcosa di più e necessariamente si avrà una situazione più chiara.Si continua a giocare,si fa pretattica e a tratti sembra che la campagna elettorale non sia ancora terminata.I numeri per le alleanze ci sono ma non c'è molta disponibilità,forse con un candidato esterno,espresso dal Centrodestra e M5S,le cose potrebbero funzionare meglio in attesa che il Pd si dia un comportamento all'altezza della situazione senza pensare a sparire o a programmare altre scissioni.



"NON SUSSISTE IL REATO DI RIBELLIONE",SCARCERATO PUIGDEMONT
EUFORIA NEL MOVIMENTO INDIPENDENTISTA PER LA SUA LIBERTA',SCONFITTA PER LA GIUSTIZIA SPAGNOLA

di Lello Leo Cortes
(5-4-2018) Flop della giustizia spagnola per l'ex presidente catalano Carles Puigdemont(foto dal web) fermato e arrestato in Germania.A distanza di qualche settimana,esattamente dal 25 marzo scorso,la situazione di Puigdemont è cambiata e adesso si ritrova in libertà perchè il reato di ribellione non sussistono in Germania mentre nel caso della "corruzione",per appropriazione indebita di denaro pubblico,la giustizia tedesca non può procedere perchè ha necessità di avere altre informazioni e chiarimenti da parte della Spagna.Tutto da rifare ed è evidente una chiara sconfitta per Madrid che aveva contestato all'ex presidente della Catalogna reati molto precisi arrivando all'arresto,ed era il motivo per cui era stato avviato la cattura europea.Non si sa se l'ex presidente catalano sarà estradato,di certo è che il Tribunale regionale superiore dello Schleswig-Holstein abbia cancellato le richieste di Madrid e le sue decisioni.


UNA GRANDE CREPA SI E'
VERIFICATA A SUD-OVEST DEL KENYA

CI VORRANNO SECOLI FORSE MILIONI DI ANNI PERCHE' LA FAGLIA DIVIDA IN DUE L'AFRICA

di Sonia Thery
(4-4-2018) Che la Terra sia un pianeta in continuo movimento è davanti agli occhi di tutti e la sua superficie è screpolata con placche e fenomeni,come terremoti e eruzioni vulcaniche,aprono vallate e creano montagne.La vistosa crepa che si è verificata lunga diversi chilometri nel sud-ovest del kenya(Africa) ci dice che il grande Continente africano si sta dividendo in due e ciò è dovuta alla placca africana che spinge le placche arabe e indiane sul versante orientale dell'Africa.Gli scienziati sono certi di questa separazione ed è,dicono,un fatto geologico che dovrà succedere ma ci vorranno secoli qualcuno dice milioni di anni.Spesso la separazione non si vede ed è profonda altre volte si vede e si esprime in millimetri ma a volte in metri.Di certo si sa che il Continente africano sarà diviso in due,la Nubia a ovest e l'Etiopia a est.

FASE FINALE PER DECIDERE SULLE SORTI DEI MARO' GIRONE E LATORRE
INIZIERA' ALLA CORTE DELL'AJA IL 22
OTTOBRE IL PROCESSO SULLA GIURISDIZIONE TRA ITALIA E INDIA PER GIUDICARE I FUCILIERI


di Francesco Atzeni
(3-4-2018) E' la fase più cruciale del procedimento che riguarda i due marò italiani accusati il 15 febbraio 2012 di aver ucciso due pescatori indiani al largo del Kerala mentre erano in servizio antipirateria a bordo del mercantile Enrica Lexie.Appuntamento il 22 ottobre all'Aja per l'udienza arbitrale che dovrà decidere la giurisdizione per giudicare i fucilieri Salvatore Girone e Massimiliano Latorre(foto dal web).Tutto è pronto per l'attesa udienza,che dovrebbe durare almeno due settimane,mentre la sentenza dovrebbe slittare per la primavera successiva.Le carte sono copiose di date e riferimenti giuridici e nulla è stato rilasciato al caso per la convinzione che i due militari italiani siano da considerare innocenti.Le prove ci sono e anche le circostanze,ma la procedura è lunga e non sempre appare facile sia per le complicazioni della giustizia indiana che intende giudicare i due marò e sia per le procedure internazionali.Tutto adesso è nelle mani dei giudici dell'Aja anche se due sentenze del 2016 si sono espresse in maniera favorevole per gli italiani concedendo a Girone di rientrare in Italia dall'India dove era quasi "prigioniero" e a Latorre di rimanervi in attesa della decisione arbitrale.Non si sa se si arriverà al verdetto finale e diversi analisti spingono perchè si trovi un accordo tra italia e India adesso che c'è un clima di rinnovato dialogo tra i due paesi.



DALLA CARTA STAMPATA AL WEB - TERZA PAGINA è ONLINE - LA PUBBLICITA' INSERITA E' PUBBLICATA GRATUITAMENTE | terzapagina_2006@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu