TERZA PAGINA


Vai ai contenuti

LE NOTIZIE DI DICEMBRE 2017

AMATRICE,ANCORA DISAGI E
POLEMICHE A DUE ANNI DAL TERREMOTO

LA VITA VA AVANTI CON GRANDE
FATICA E NELLE CASETTE TRA LA NEVE
SI MUORE DI FREDDO


di Francesco Atzeni
(30-12-2017) E' il secondo anno dopo il terremoto e a Amatrice si vive ancora nella provvisorietà.Natale e Capodanno al freddo e al gelo tra le macerie,tetti crollati e molte famiglie ancora nei camper e nei container.Sono state consegnate le casette e le 466 abitate hanno problemi che vanno dall'elettricità al congelamento delle tubature ma anche alle coibentazioni.Oltre al freddo,con temperature che scivolano a -18 gradi,c'è la tenuta termica e fisica delle casette che in queste località,dove la rigidezza del clima è nota e ben prevedibile,sono da sistemare definitivamente.La popolazione si lamenta che non tutto è stato fatto secondo le norme e soprattutto non sono state rispettate quelle promesse da lungo tempo proclamate.Un pò tutti i politici si sono avventurati in queste zone e molte promesse non hanno avuto ancora riscontro mentre mancano molte altre casette per dare un tetto a quanti ancora vivono senza una loro casa.E c'è sempre la paura di altre terremoti.Si convive con le forze della natura anche se il punto dolente sarà la ricostruzione vera e propria.Amatrice non chiede casette,tutte uguali,tutti in fila e con pareti molto sottili.Vorrebbero qualcosa di più stabile anche se è chiaro che una ricostruzione vera e propria non si avrà prima di 15/20 anni.Poco è stato fatto e molto resta ancora da fare.Eliminare il freddo in queste casette potrebbe essere un primo importante passo in avanti.


NUOVI RINCARI PER LE FAMIGLIE:+5,3%ELETTRICITA',+5% PER IL GAS
MAZZATA DI CAPODANNO,I RINCARI DEL 2018 POTREBBERO ARRIVARE A 950 EURO

di Luca Berni
(29-12-2017) Fino a qualche giorno fa Renzi continuava a dire che il governo non aveva aumentato le tasse e per gli italiani non ci sarebbe stato nessun esborso(
foto dal web).Le cose però non stanno andando così e le famiglie italiane si ritroveranno sempre più poveri.Molti aumenti sono dovuti sull'aggiornamento dei prezzi delle materie prime comunicate dall'Autorità competente tuttavia però è emblematico perchè questi esborsi sono alla fine consistenti e mettono in seria difficoltà molte famiglie.Ad iniziare dai sacchetti per imbustare frutta,verdura,affettati,pesce e altri prodotti alimentari,ma anche un incremento del +5,3% per le forniture elettriche,del +5% per il gas ma aumentano anche i pedaggi e molto altro ancora.Da una parte il governo dice che non ci sarà nessun aumento delle tasse,dall'altra,però,gli aumenti ci sono su tutti i fronti.Colpa del governo o di altri c'è sempre comunque un denominatore comune e si abbatteranno come un'autentica stangata su tutte le famiglie italiane.Si parla di una mazzata che potrebbe arrivare anche oltre 950 euro considerate le spese extra per i consumi.Ma ci saranno anche altri rincari per gli automobilisti che dovranno sborsare una media di 25 euro per le assicurazioni.Non basta:potrebbero aumentare la Tari ma anche i ticket sanitari e in questo caso l'aumento potrebbe aggirarsi sui 55 euro.Costi al rialzo anche per le tariffe postali e per i costi bancari.Per non parlare per i rincari sui carburanti che si "sentiranno"sui prezzi finali dei prodotti acquistati dai consumatori.Le associazioni di consumatori sono sul piede di guerra e il presidente del Codacons,Carlo Rienzi parla di "rincari determinati da fattori speculativi che avranno un impatto elevatissimo sui nuclei familiari".



ATTENZIONE,DAL 1° GENNAIO
SACCHETTI FRUTTA A PAGAMENTO

SARANNO OBBLIGATORI E NON
SARANNO RIUTILIZABILI

PRONTA BATTAGLIA LEGALE,CODACONS:
UNA STANGATA PER LE FAMIGLIE


di Marco Giovine
(28-12-2017) Dicono che non è una nuova tassa nè un nuovo balzello fiscale,sicuramente è un altro esborso che potrebbe alla fine essere considerato consistente per le famiglie italiane.Annunciato da mesi adesso si entra nel vivo:dal 1 gennaio 2018 imbustare frutta,verdura,affettati,pesce e altri prodotti alimentari costerà tra i 2 e i 5 centesimi di euro.Il contenitore,che non può essere riutilizzabile,dovrà essere in plastica biodegradabile e compostabile e sarà sempre a pagamento e non se ne pottrà fare a meno altrimenti scateranno multe salatissime da un minimo di 2500 a un massimo di 100 mila euro per ogni busta riferita a alimenti sfusi.Non si potranno,quindi,smaltire vecchi sacchetti e ogni informazione a riguardo è contenuta nella legge di conversione del decreto legge Mezzogiorno che ha avuto il via libera lo scorso agosto.Le nuove norme sugli shopper hanno la funzione di reprimere pratiche illegali dannose per l'ambiente e su questo versante 6 italiani su 10 si dichiarano favorevoli per i sacchetti biodegradabili e compostabili.Per l'esporso economico di tali shopper la maggioranza degli italiani,con punte che raggiungono il 75%,non è d'accordo ravvisando una tassa occulta nei confronti delle famiglie.Su questa strada si sta orientando il Codacons che parla di "stangata"sulle famiglie italiane che su base annua avrà una ripercussione dai 20 ai 50 euro a nucleo familiare a seconda della frequenza degli acquisti.l presidente del Codacons Carlo Rienzi parla apertamente di una "vera e propria tassa occulta a danno dei cittadini italiani" oltre ad essere un "provvedimento ingiusto che finisce solo per introdurre aggravi di spesa sulle spalle dei consumatori".


CONTINUANO GLI SBARCHI DI CLANDESTINI ALGERINI IN SARDEGNA
14 MIGRANTI HANNO ATTRAVERSATO IL MARE IN TEMPESTA PER ARRIVARE
IN SARDEGNA CON QUESTO BARCHINO SENZA MOTORE E
SENZA REMI

di Giovanni Picchi
(27-12-2017) Pioggia,freddo,vento e mare decisamente in tempesta.E' il meteo di questi giorni e colpisce tutta l'Italia con vortici di grande intensità nel mare tra la Sardegna e le coste algerine.Le navi di linea per la Sardegna hanno difficoltà tremenda,ma non per i barchini gli immigrati che anche con mare forza 10 arrivano sulle coste del Sulcis sarde senza problemi e con grande facilità.Non c'è allerta e non ci sono colori che fanno paura e per loro è una passeggiata partire dall'Algeria alla Sardegna.La foto postata dal parlamentare di Unidos Mauro Pili su Fb ha mandato su tutte le furie gli utenti con considerazioni appropriate.A parte l'indignazione delle persone per l'assalto dei migranti fai-da-te-sulle coste sarde,c'è l'aspetto logistico e molti si chiedono:come hanno fatto gli algerini ad arrivare in Sardegna col mare in tempesta con un barchino nuovo di zecca e senza remi?Guardate la foto,con questo barchino hanno superato tempeste e ostacoli di ogni genere per oltre 10 ore di mare.Un mistero.La notizia riporta che un barchino con 14 algerini a bordo è sbarcato nella notte tra martedi e mercoledi 27 dicembre e subito dopo,a Pula(provincia di Cagliari) sono stati rintracciati dai carabinieri e trasferiti nel centro di Assemini.Sicuramente ci saranno delle spiegazioni perchè è impensabile che un barchino di quelle dimensioni,traballante e poco gestibile in condizioni normali e per soli due miglia,possa reggere alle tempeste in mare con a bordo 14 persone adulte.E' chiaro che c'è dietro un'organizzazione collaudata che ha fatto arrivare queste persone con mezzi più appropriati per poi far continuare gli ultimi metri di mare con un barchino nuovo di zecca senza motore e senza remi.E' uno schiaffo alla nostra intelligenza.Va su tutte le furie anche Ugo Cappellacci,coordinatore regionale sardo di Forza Italia che mette in evidenza "i vertici farsa e gli inconttri inutili con le promesse del ministro si schiantano davanti alla realtà dei fatti:gli arrivi sono raddoppiati rispetto al 2016".


GLI AMERICANI PREFERISCONO ANCORA OBAMA,TRUMP DIETRO ANCHE PAPA FRANCESCO

(27-12-2017) E' l'ex presidente Barack Obama il più amato degli americani.Secondo il sondaggio annuale della società di ricerca Gallup l'ex presidente Usa viene preferito a Papa Francesco ma anche al Dalai Lama.I democratici americani hanno votato in massa per Obama mentre i repubblicani hanno votato con poco entusiasmo il loro candidato.Anche Hillary Clinton è al vertice della lista tra le donne più amate degli Stati Uniti mentre per il marito Bill è in caduta libera.


INIZIANO LE RAPPRESAGLIE CONTRO I PAESI CHE NON RICONOSCONO GERUSALEMME CAPITALE DI ISRAELE
TRUMP IMPLACABILE MANTIENE LA PAROLA:TAGLIO DI 285 MILIONI DI DOLLARI ALL'ASSEMBLEA GENERALE

di Lea Dixon
(26-12-2017) Un paio di giorni fa la rappresentante degli Stati Uniti all'Onu aveva detto che il suo Paese si sarebbe ricordato di quanti avevano bocciato la decisione di Trump(
foto dal web) di riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele.Lo strappo per gli americani è imperdonabile e adesso arrivano le prime rappresaglie.Col pretesto che all'Onu vige l'inefficienza e le spese facili,Trump ha reso amaro il natale dell'Onu con un taglio di 285 milioni di dollari dei fondi che gli Stati Uniti avrebbero dovuto versare all'Assemblea Generale.Una decisione non certo clamorosa stante le ultime prese di posizioni di Trump non condivise dall'Assemblea mondiale e comunque un importo molto significativo che sicuramente rischia di pesare enormemente sul bilancio dell'Onu.La scintilla che ha portato a questa drastica riduzione è avvenuta a pochi giorni dalla decisione dell'Assemblea Generale che di fatto,col voto negativo degli oltre 128 Paesi tra cui l'Italia,ha deciso di bocciare la decisione di Trump su Gerusalemme quale capitale di Israele e anche sullo spostamento dell'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.La stessa decisione era stata espressa anche da Papa Francesco che recentemente ha ricordato l'importanza politica e strategica,ma anche umana,di due popoli in due stati.Adesso si aspettano le altre mosse di Trump contro chi gli ha voltato le spalle e l'Italia è nella lista nera.Intanto c'è chi fa un passo in avanti come il Guatemala,che vive di finanziamenti americani,che si appresta a riportare l'ambasciata a Gerusalemme.Si attendono altre decisioni in questo senso nei prossimi giorni.


IN CINA SI E' RIPETUTA
LA MAGIA DEI TRE "SOLI"

SPETTACOLO STRAORDINARIO:UNA PALLA INFUOCATA CON DUE "SOLI" PIU' PICCOLI

di Paolo Pailla
(26-12-2017) E' la magia dei tre "soli"(
foto dal web).E' successo nella città di Hailun nella provincia nord-orientale della Cina e tutti sono scesi nelle piazze e nelle strade.Lo spettacolo ha riempito di stupore gli abitanti che alle 8,30 della mattina del 26 dicembre hanno potuto vedere con entusiasmo la visione che mostra una palla infuocata al centro affiancata da due soli più piccoli.E' naturalmente un'illusione ottica conosciuto come parelio che si forma quando nell'atmosfera c'è molto vapore in condizioni stabili e la luce si modella su cristalli di ghiaccio.Il fenomeno in cinese viene chiamato "Shuanggua'er"(sole con due orecchie),uno spettacolo che si ripete spesso e che anima la vita di molte popolazioni.


STOP DEFINITIVO DELLO IUS
SOLI,"ATTO IRRESPONSABILE"

PER L'APPROVAZIONE MANCA IL NUMERO LEGALE,MOLTI ASSENTI DA PARTE DEL PD,SPARITI QUELLI DEL M5S

di Luca Berni
(23-12-2017) Non c'è il numero legale,ius soli addio(foto dal web).Per l'approvazione della legge,che la maggioranza degli italiani non vuole,ci sono troppi assenti soprattutto da parte del Pd e di quanti hanno sempre sostenuto la validità di un provvedimento che riguardava 800 mila minori.In Senato su 319 senatori se ne contano appena 116,spariti quelli del M5S mentre c'è il deserto per i centristi.Naturalmente non ci sono Lega e Forza Italia che avevano sempre affossato la legge.Il ddl che riforma la cittadinanza non può andare avanti,esulta Roberto Calderoli della Lega che dice "Colpito e affondato,morto e sepolto".E quanti pochi minuti prima continuavano a digiunare per lo Ius soli adesso c'è l'aggiornamento,ed è sempre Calderoli che dice:"Possono tornare a mangiare,anche se temo che il panettone stavolta gli andrà di traverso".Troppi banchi vuoti e Andrea Iacomini,portavoce dell'Unicef Italia,parla di "vicenda incivile":"Doveva essere un gesto di civiltà e si chiude nel modo più incivile possibile" e aggiunge "E' una brutta pagina della nostra storia"


L'IRREGOLARITA' NEL BISTROT
DI CANNAVACCIUOLO

ESISTE LA "MALEDIZIONE
DI MASTERCHEF"?

SALVINI:E' UNA PERSECUZIONE,
BISOGNA TUTELARLI


di Laura Pirlo
(23-12-2017)Le nuove rockstar sono loro Bruno Barbieri,Antonino Cannavacciuolo,Joe Bastianich e Carlo Cracco-
foto dal web-(ma c'è anche Alessandro Borghese)protagonisti indiscussi di programmi televisivi sulla cucina e sui piatti originali dove compaiono chef che combattono per la conquista del primo premio,molto ambito perchè darà loro popolarità e un posto di primo ordine in un noto ristorante di lusso.Personaggi che muovono patrimoni milionari e sono molto richiesti in altre trasmissioni e in diversi spot pubblicitari.Rockstar di prestigio che fanno parlare ogni giorno.Come Barbieri che per il suo locale,il Fourghetti di Bologna,è stato criticato dai critici o Cracco che ha perso una stella Michelin per il suo ristorante Victor Hugo a Milano mentre Joe Bastianich ha dovuto chiudere il Ricci un locale storico.Infine,ed è notizia molto recente,anche Cannavacciulo è entrato nelle cronache giornalistiche per alcune irregolarità nel suo bistrot a Torino,cioè non aver registrato la tracciatura di alcuni prodotti e per non aver indicato sul menù quali cibi fossero cucinati con materie prime congelate e per questo motivo è stato multato dal Nas e dalla Asl.Cannavacciulo si difende:sul menù mancava solo un asterisco e il cibo in frigo era per noi.Ma queste affermazioni non bastano e non sono sufficienti.Si parla di frode ma per Cannavacciuolo è dimenticanza.Poi aggiunge:si parla tanto di difficoltà degli imprenditori che lavorano in Italia in questo settore e questa è una storia che fa venire voglia di andarsene da un'altra parte.Chi difende questa ingiustizia è il leader della Lega Salvini che parla di autentica persecuzione poi aggiunge:"Non vedo l'ora di andare a governare per tutelare anche gli imprenditori perseguitati da asterischi e cavilli".Una cosa è certa,su questi personaggi esiste una "maledizione di Masterchef" perchè,dice il "Giornale",su ogni giudice della popolare e quotata trasmissione tv si è abbattuto una rogna di troppo.


CATALOGNA,GLI INDIPENDENTISTI CATALANI "PRONTI PER IL GOVERNO"
RAJOY APRE AL DIALOGO MA
TAGLIA FUORI PUIGDEMONT


di Lello Leo Cortes
(22-12-2017) Vincono gli indipendentisti catalani ma non hanno la maggioranza assoluta dei voti anche se sono pronti a governare in Catalogna.Detto così sembra semplicistico considerare il voto finale ma la realtà politica pone grossi problemi per governare.Quello che si ipotizzava prima delle elezioni,convocate dal premier Rajoy(
foto dal web) in seguito alla crisi di governo tra il governo spagnolo e quello catalano,si è puntualmente verificato dopo le elezioni,quindi nulla è cambiato rispetto al passato.Il blocco indipendentista ha tenuto,nonostante l'affluenza dell'80% dei votanti soprattutto di quelli contro la scissione,ma non ha raggiunto il suo obiettivo mancando la maggioranza.Se ne saprà di più nei prossimi giorni quando il Parlamento catalano si riunirà per votare la fiducia al nuovo presidente che quasi certamente sarà indipendentista.Il presidente più votato e quello più designato è Carles Puigdemont,leader della lista indipendentista,ma si trova in Belgio da settimane e se dovesse rientrare verrebbe subito arrestato con le stesse accuse di Junqueras,e altri,che si trovano in carcere.Il leader indipendentista chiede un incontro con Rajoy all'estero per definire modalità di rientro per consentirgli di essere eletto presidente della Catalogna,ma il premier spagnolo chiede legalità e correttezza secondo la legge.E' infatti impensabile che Puigdemont,che è sfuggito all'arresto per le note vicende della scissione della Catalogna dalla Spagna,possa diventare presidente e ci sarà grossi problemi per il suo rientro.La partita si giocherà ancora una volta tra Catalogna e Spagna,tra le leggi da rispettare e la correttezza politica.Lo strappo c'è stato ma solo la politica dovrà metterci una pezza,secondo norme e disponibilità da ambo da parti.Il tunnel è ancora lungo e la luce non si vede ancora.

GERUSALEMME,L'ONU CONDANNA LO STRAPPO DEGLI STATI UNITI
TRUMP NON CI STA E ANNUNCIA RAPPRESAGLIE:SCHIERAMENTO CHIARO,VOTA CONTRO ANCHE L'ITALIA

di Lea Dixon
(21-12-2017) Trump(
foto dal web) non correggerà il tiro e non farà marcia indietro sulla decisione di costituire l'ambasciata americana a Gerusalemme e dare un segnale forte dopo aver decretato la città come capitale di Israele.L'Onu però non è d'accordo.La risoluzione approvata dall'Assemblea Generale Onu,che non è vincolante a differenza del Consiglio di Sicurezza ma ha una grande valenza politica,punisce il presidente degli Stati Uniti con una maggioranza schiacciante:128 voti a favore,9 contro e 35 astensioni.Gerusalemme,quindi,secondo l'Onu,non è capitale "una ed indivisibile" di Israele e lo strappo è evidente anche se pone altri problemi e tante altre perplessità.Intanto c'è da rilevare che la decisione di Trump è un atto unilaterale e come tale deve essere evidenziato,se poi gli Stati Uniti vogliono spostare l'ambasciata a Gerusalemme "capitale di Israele" è un problema suo non condiviso dagli altri Paesi rappresentati dall'Assemblea Generale Onu.Adesso che gli schieramenti sono chiari ci sarà da aspettare le mosse successive.Trump ha annunciato che "prenderà provvedimenti" contro quei Paesi che si sono espressi contro e minaccia rappresaglie.Anche l'Italia si è espressa contro lo strappo degli Stati Uniti.Tra i Paesi che si sono astenuti fanno discutere le posizioni dell'Australia,Argentina,Filippine e Colombia.



MONDIALI 2018,FIGURACCIA RAI
A CANALE 5 L'ESCLUSIVA IN CHIARO DELLA COPPA DEL MONDO DI CALCIO

di Franco Vecchiarecchi
(21-12-2017) Dopo la figuraccia dell'Italia che non parteciperà ai Mondiali di Mosca adesso arriva un'altra mazzata,questa volta per la Rai che è stata scavalcata dalla tv commerciale italiana Mediaset(
foto dal web).Tutte le 64 partite della Coppa del Mondo Fifa 2018 saranno visibili in chiaro nelle reti Italia Uno,Retequattro e naturalmente Canale 5.Un duro colpo per la Rai che per la prima volta non avrà in palinsesto i Mondiali,trainante per altri programmi tv ma anche vero veicolo pubblicitario.Mediaset annuncia che i Mondiali saranno offerti agli spettatori "gratuitamente e in esclusiva".Si inizierà il 14 giugno alle ore 17 con Russia-Arabia Saudita e si andrà avanti fino al 15 luglio.Per Mediaset i Mondiali rappresentano un piatto forte di sport e di grande momento sportivo e sicuramente gli ascolti andranno oltre i 9 milioni e 100 mila telespettatori che la Rai ha totalizzato nel 2014 nella partita inaugurale tra Brasile e Croazia.


ELEZIONI STORICHE IN CATALOGNA,
PARTECIPAZIONE RECORD
SONDAGGI:UN PARI CHE
CREA MOLTA INCERTEZZA

SARANNO DECISIVI I GIOVANI
E IL VOTO ALL'ESTERO


di Lello Leo Cortes
(20-12-2017)Oggi,giovedi 21 dicembre,per la quarta volta in sette anni,oltre 5,5 milioni di votanti catalani andranno a votare per un governo regionale(foto dal web Puigdemont in videoconferenza).Non sembra che ci sia voglia di indipendenza anche se l'obiettivo è sempre quello dopo l'applicazione dell'articolo 155 e lo scioglimento forzato del parlamento da parte del governo spagnolo.Gli indipendentisti sono già all'opera ma questa volta Madrid è pronto a combattere il nuovo pericolo di secessione.Il leader del fronte catalano è all'estero e dal Belgio Puigdemont è deciso a condurre la sua battaglia per l'indipendenza della Catalogna dalla Spagna.Il fronte indipendentista è sempre più compatto ma saranno gli indecisi a dare il risultato definitivo.Le elezioni arrivano dopo oltre due mesi e mezzo dalla crisi intervenuta a seguito del referendum e col voto di oggi,indetto dal premier spagnolo Rajoy,si deciderà il futuro della Catalogna.I sondaggi si susseguono e al momento il Parlamento catalano sembra essere spaccato in due,con i secessionisti al 44% mentre gli unionisti sono al 45% anche se tutto dipenderà dagli indecisi,uno su tre.L'elezione del 21 dicembre potrebbe essere deciso dal voto estero che è aumentato dell'81% rispetto alle elezioni del 2015 ma anche dei circa 163 mila giovani che parteciperanno per la prima volta al voto avendo raggiunto la maggiore età dopo le altre elezioni che si sono tenute il 27 settembre 2015.


CAGLIARI,RIAPRE LA NUOVA
PIAZZA GARIBALDI

E' STATA RESTITUITA ALLA
CITTA' E AI SUOI ABITANTI

PIU' GRANDE DI PRIMA,PIU'
VERDE E PIU' ACCOGLIENTE


(20-12-2017)Dopo oltre un anno e mezzo riapre a Cagliari una delle piazze più storiche(MARTEDI 19-12-2017).E' stata restituita alla città,ai suoi abitanti e sicuramente ai turisti che da adesso in poi possono calcare in tranquillità e sicurezza un angolo suggestivo e di grande impatto visivo(
foto di TERZA PAGINA).E' costato quasi un milione e 200 mila euro e sarà il vanto della città ma non mancheranno le polemiche soprattutto per gli automobilisti sacrificati per dare un segnale forte a vantaggio della grande disponibilità pedonale.Infatti l'area per i cittadini a piedi sono passati dai 4850 a 6700 metri quadri,via i vecchi marciapidi messi a livello della strada carrabile.C'è poi,ed è una novità,grande spazio per la pavimentazione in legno in un contesto armonico che mette in relazione alberi ma anche verde pubblico.Spazio adeguato agli arredi e giochi per bambini. C'è anche la storica edicola,posizionata ancora in maniera provvisoria ma è un fatto di grande spessore la nuova piazza per una città che si avvia in maniera suggestiva verso un grande futuro turistico.


ECCO COME SARA' IL METEO
PER NATALE E S.STEFANO

ARRIVA L'ANTICICLONE,TEMPERATURE PIU'ALTE E NIENTE NEVE,POI PERO' ARRIVA LA SCIABOLATA ARTICA

(19-12-2017) Sole,nebbia o neve sotto natale?Le previsioni meteo ci danno una mano per le festività del 25 e 26 dicembre con una situazione che tende al bello perchè il nostro paese è attraversata dall'alta pressione(foto dal web Albero di Natale al Bastione di Cagliari).Anticiclone sull'Italia anche se il cielo in Liguria sarà coperto senza precipitazioni,mentre in tutte le altre regioni ci saranno poche nuvole e il tempo sarà buono.Questo per tutto il 25 dicembre,giorno di Natale mentre per S.Stefano sis replica anche se inizieranno le piogge sulla Toscana e anche in Liguria.Le temperature sarà sopra la media stagionale e i valori saranno in aumento.Curiosità in terra sarda:il 25 dicembre 2009 la Sardegna ebbe valori primaverili con punte di 20 gradi in un contesto climatico straordinario per l'anno molto diverso dal meteo 2017 che avranno,invece, temperature più rigide con punte che vanno dai 14 ai 17 gradi.

NATALE 2017,VA FORTE LA TRADIZIONE E L'ATMOSFERA MAGICA IN CASA
SI SPENDE DI PIU' AL SUD,MENO
AL NORD E AL CENTRO ITALIA

SI BRINDERA' E SI MANGERA' PRELIBATEZZE CON I PRODOTTI DEL TERRITORIO

di Luisa Deidda
(19-12-2017) Per la cena di Natale gli italiani(
foto dal web) spenderanno quasi il 4 per cento in più rispetto al 2016.Il totale complessivo viaggia per 2,8 miliardi di euro,dice la Confesercenti in collaborazione con Swg,con una media di 110 euro a famiglia.Si spenderà di più al sud con una media di 120 euro a famiglia mentre al nord si spenderà meno di 112 euro sempre a famiglia.Nel centro Italia,invece, si spende ancora meno,qualcosa come 98 euro a famiglia.Anche quest'anno va forte la tradizione e la maggioranza degli italiani starà nell'atmosfera magica del Natala in casa,tra gli affetti più genuini e sinceri anche se si sta registrando una discesa con la tendenza di trascorrere la classica cena natalizia con gli amici o in qualche località turistica o città d'arte.Ma c'è anche chi brinderà e mangerà le prelibatezze natalizie al ristorante.Per il menù vince la tradizione con aumento di prodotti del territorio.In Sardegna,ad esempio,va forte "mangiamo sardo per vivere cent'anni".

IL PENTAGONO E GLI UFO,UN PROGRAMMA SEGRETO DA 22 MILIONI DI DOLLARI ALL'ANNO
IL DIPARTIMENTO AMERICANO HA AVVIATO COSTOSE INDAGINI PER ESAMINARE INCONTRI TRA AEREI MILITARI E OGGETTI VOLANTI

di Lea Dixon
(18-12-2017)Ufficialmente il programma si è concluso nel 2012,ma la struttura è ancora funzionante perchè,spiegano gli esperti che ancora ci lavorano,"c'è ancora molto da fare".Si parla di Ufo,di oggetti non identificati appartenenti a chissà quale pianeta e che avrebbero avuto un ruolo a contatto con la Terra.Vera o falsa,questa teoria ha avuto l'avallo del Dipartimento della Difesa Usa che ha stanziato oltre 22 milioni all'anno per cinque anni con struttura e competenze di primo livello.Nessuno sapeva dell'esistenza di questo programma che faceva capo al Pentagono con la precisa missione di esaminare i resoconti di incontri militari con oggetti volanti non identificati.Il programma di identificazione è stato per lungo tempo segreto e solo qualche giorno fa si è saputo di questo "Advanced Aviation Threat Identification Program" perchè funzionari governativi hanno spostato i finanziamenti verso altre priorità e altri programmi.Si sa che la Struttura segreta era stato creato dal leader del Senato Harry Reid col sostegno del senatore Daniel Inouye e del repubblicano Ted Stevens i quali puntavano tutto sugli avvenimenti e oggetti inspiegabili ma anche sulle armi avanzate o tecnologia di stati stranieri come la Russia e la Cina che in qualche modo potevano minacciare gli Stati Uniti.


SONDAGGI,PD IN PICCHIATA.ORLANDO:
"CANDIDATURA DELLA BOSCHI?SI VALUTI"
IL PARTITO DI RENZI HA UN'EMORRAGIA DI CONSENSI.VOLA IL CENTRODESTRA UNITO,STABILI GRASSO E M5S

di Luca Berni
(17-12-2017) L'ultimo sondaggio è di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera in vista delle politiche di marzo 2018(
foto dal web Salvini,Berlusconi e Meloni).Tutti i partiti sono da qualche settimana in campagna elettorale e si moltiplicano le presenze dei leader nei vari programmi televisivi.C'è l'imbarazzo della scelta,in campo tra le tante tv c'è La7 che propone le "voci" e i programmi dei partiti.E si moltiplicano anche i sondaggi,impietosi ma che danno una tendenza dell'elettorato in momenti particolari della vita politica.Secondo,quindi,Pagnoncelli chi perde di più è il Pd di Renzi,chi guadagna è la coalizione del centrodestra ma il primo partito è il M5S.Le vicende che hanno condizionato in maniera negativa per il Pd è il dossier banche e il ruolo di Maria Elena Boschi,sottosegretaria alla presidenza del Consiglio,ma anche il programma "non credibile" di Renzi con le formazioni minori che si sono staccate dal partito per la linea politica del suo segretario.Vediamo nel dettaglio.Il Pd di Renzi è in caduta libera e nel giro di 5 anni è ai livelli più bassi andando,almeno nelle intenzioni di voto,a toccare il 23,4%.La nuova formazione politica "Liberi e uguali" guidato dal presidente del Senato Piero Grasso,vera spina nel fianco di Renzi,è già al 6,6% e molti analisti dicono che crescerà ancora,ai danni del Pd,ma non dovrebbe superare i 10%.Chi è stazionario,anche se la tendenza è all'insù nei sondaggi,è il centrodestra unito che va per il 40%,attualmente è al 36%,mentre il M5S ha una flessione dello 0,9% rispetto a una settimana prima anche se è il primo partito col 28,2%.Si delinea,secondo il sondaggio di Pagnoncelli,la griglia di arrivo delle formazioni politiche in vista delle elezioni politiche.Nel quadro generale c'è anche la rinuncia di Alfano a ricandidarsi,una decisione che ha messo il "rompete le righe" all'interno della formazione politica a vantaggio del partito di Grasso ma in maniera consistente alla corte di Berlusconi.E c'è anche chi,come il ministro della giustizia Andrea Orlando,critica la posizione di leader di Renzi e la scelta di ricandidare la Boschi.


DOPO 11 ANNI
IL BIOTESTAMENTO
E' LEGGE

LA BONINO CON MINA
WELBY PIANGE DI GIOIA

ESISTE UNA SOCIETA' SOLIDALE
PER IL DIRITTO DI FINE VITA?


di Gigi Sartori
(14-12-2017) Il Biotestamento è legge.E' stato approvato in via definitiva con 180 sì,71 no e 6 astenuti.Applausi,sorrisi e anche molte persone commosse per il traguardo raggiunto,"storico" ha detto Emma Bonino in tribuna a fianco di Mina Welby(
foto dal web) mentre in molte piazze c'era la gioia di chi aveva portato avanti per anni una battaglia a volte estenuante,durata 11 anni, ma sempre con la consapevolezza di dare risposte concrete ai vari Englaro,Welby,Fabo."D'ora in poi i malati,le loro famiglie,gli operatori sanitari saranno meno soli in situazioni drammatiche" ha detto il presidente della Camera Laura Boldrini,una legge che consente un passo in avanti,è stato messo in evidenza, nella direzione della libertà e nella consapevolezza dei diritti del malato.Chi non ricorda le storie di Piergiorgio Welby,morto nel 2006,e del padre di Eluana Englaro sempre in prima fila per chiedere libertà e il rispetto dei diritti.Ultimamente c'è stato il caso di Fabo andato a morire in Svizzera accompagnato da Marco Cappato.Tutti dicono che la battaglia è stata giusta e che la conclusione è degna di un Paese democratico,libero e attento ai diritti delle persone.L'ultimo a convincere i favorevoli al biotestamento ci sarebbe anche la frase di Papa Francesco che sul tema del fine vita ha detto "può essere moralmente lecito rinunciare o sospendere le cure" e sembra che abbia fatto breccia per chiudere al meglio una partita che si annunciava difficile,in salita e non per niente approvabile.Tutto è filato liscio,tra polemiche e preoccupazioni e non si sa fino a che punto il biotestamento sia praticabile e abbia il consenso dei cittadini.Non sembra,come punto fondamentale,che il Papa approvi il biotestamento per legge perchè non si può sancire una decisione importante con la complicità dello Stato anche perchè il Pontefice ha ribadito la dottrina tradizionale che è quella di Pio XII,Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.Chiedere,cioè,che la propria vita sia poi in mano allo Stato che deve decidere,per legge,di far vivere o far morire una persona.Il problema è poi alla fine:chi staccherà la spina?Come si comporterà il medico,quanti si comporteranno "per legge"?Ma la Costituzione all'articolo 32 non parla di tutela della salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività?Con questa legge quanti casi Eluana avremo?Molti già parlano di "eutanasia camuffata".



SCONTRO CON SALVINI SULLA NORMA MOLTENI,"TUTTO SI SISTEMERA'"
LA PROFEZIA DI BERLUSCONI:
"SENZA VINCITORI RESTA GENTILONI",
SONDAGGI SONO PER IL CENTRODESTRA


di Luca Berni
(13-12-2017) L'ultimo scontro tra Salvini e Berlusconi(
foto dal web) è sulla norma Molteni che non prevedeva nessuno sconto o premio ad assassini e criminali.Affossando il provvedimento da parte di Forza Italia il leader della Lega vuole spiegazioni sul voto contrario altrimenti ci sarà lo stop a altri incontri per rafforzare il centrodestra.Berlusconi minimizza:"E' una decisione presa dai miei gruppi parlamentari" ma tutto,dice,si sistemerà.Il problema è comunque che il centrodestra continua ad andare avanti,i sondaggi parlano di una ripresa considerevole mentre il Pd va molto sotto mentre va avanti anche il M5S ma dietro il centrodestra unito.Berlusconi è certo di vincere le nuove elezioni che ci saranno il 4 marzo o una settimana dopo e elenca subito cosa intende fare:"Via le tasse su casa,auto e pensioni minime a 1000 euro".Berlusconi però è anche convinto che se non uscirà dal voto una maggioranza autonoma sarebbe giusto che a governare ci sia ancora Gentiloni per "permettere ai partiti di far conoscere agli elettori i loro programmi".Berlusconi convincente e a tutto gas alla presentazione dell'ultimo libro di Bruno Vespa.Fra una settimana l'incontro quasi decisivo tra Berlusconi,Salvini e Meloni per mettere in chiaro programmi e azioni condivisi.

NUOVA ZELANDA,SCOPERTO UN PINGUINO PREISTORICO GRANDE COME L'UOMO

di Laura Pirlo
(13-12-2017) Sulla rivista Nature Communications di questo mese c'è un reportage su una scoperta sorprendente,una specie di pinguino gigante(foto dal web).E' stato trovato in Nuova Zelanda e sembra che il fossile sia ben conservato.La scoperta sorprende perchè solitamente si trovano fossili di dinosauri ma questa volta ad avere gli onori della prima pagina è un pinguino dalle dimensioni più grandi di quelli attuali.Questi animali preistorici vissero dopo che i dinosauri si erano estinti,circa 60-55 milioni di anni fa.Erano alti oltre un metro e 70 centimetri e pesavano almeno 100 chili.La scoperta è stata casuale,perchè i ricercatori erano alla ricerca di fossili di delfini e balene,alla fine però si sono ritrovati con una nuova specie che non assomigliano granchè ai pinguini attuali anzi al contrario dei paffuti pinguini moderni,questi ritrovati avevano un corpo perfetto per cacciare pesci e un becco affilato.All'epoca questi pinguini preistorici la Nuova Zelanda era quasi tutta sommersa ed era quindi un ambiente ideale per questi animali.La nuova scoperta è importante per la comprensione della biodiversità del passato.


VA A RILENTO LA BATTAGLIA CONTRO
IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

VERTICE SUL CLIMA,BISOGNA MOBILITARE 100 MILIARDI ALL'ANNO PER FERMARE IL RISCALDAMENTO GLOBALE

di Lello Leo Cortes
(12-12-2017) Va a rilento la battaglia contro il cambiamento climatico.Non solo,ma c'è la preoccupazione che ogni sforzo venga deliberatamente disatteso.L'allarme è del presidente francese Emmanuel Macron che assieme ai leader mondiali riuniti in un vertice a Parigi cerca di dare una spallata decisiva per affrontare abbastanza velocemente una "tragedia" che presto potrebbe interessare tutti.Il summit ha l'impegno di continuare a sensibilizzare l'opinione pubblica su questo problema ma anche quello di mobilitare risorse pubbliche e private per una lotta che sarà dura e speriamo non molto lunga.Al vertice ci sono rappresentati dei governi ma c'è anche una nutrita partecipazione di molti dirigenti d'azienda,un summit che farà il punto della situazione ma che dovrà mettere le basi per dare un messaggio simbolico al mondo dopo il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo sul clima.L'intento non è quello di approntare un nuovo accordo per ridurre i gas inquinanti,ma di cercare di consolidare gli impegni delle comunità internazionali per combattere la grave minaccia che proviene dal repentino cambiamento climatico.Si va per progetti anche se per la loro realizzazione ci vogliono risorse sufficienti e comunque è necessario un impegno e uno sforzo continuativo.Due anni fa a Parigi oltre 200 Paesi si erano impegnati a non aumentare di 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali.La situazione potrebbe essere grave perchè,dice,Macron "abbiamo la tendenza ad arrivare a 3,5" quindi bisogna fare di più e per farlo è necessario mobilitare oltre 100 miliardi di dollari all'anno dal 2020 per aiutare e proteggere i Paesi poveri e con meno risorse.

DOPO QUINDICI ANNI LOPEZ
E SOLENGHI INSIEME

A SASSARI E CAGLIARI UNO SPETTACOLO ESILARANTE E DA NON PERDERE

di Andrea Porcu
(12-12-2017) Il ricordo di quel trio che ha fatto divertire milioni di italiani rimane incancellabile.Tredici anni di rappresentazioni tra Tv e teatro, tra il 1980 e il 1994, hanno segnato un periodo unico per la storia tragicomica del nostro Paese.Purtroppo Anna Marchesini ci ha lasciato il 30 luglio del 2016 a 63 anni. E nel ricordo di questa grande donna e interprete, gli altri due del “trio” Massimo Lopez e Tullio Solenghi(foto dal web), hanno deciso di tornare a recitare assieme. Lo fanno con uno “show” dove c’è di tutto e di più. Tra gag, improvvisazioni, musica e soprattutto del buon teatro. Tra Sassari e Cagliari ( teatro Massimo, viale trento) Lopez e Solenghi danno il meglio di loro stessi per intrattenere spassosamente il pubblico.Un pubblico delle grandi occasioni cosi come meritano questi due imparagonabili artisti, che si sono conosciuti all’inizio degli anni 70 al Teatro Stabile di Genova.Dopo una serie di partecipazioni a varie commedie, recitando assieme a mostri sacri, come Giorgio Albertazzi e Lina Volonghi, ottengono una straordinaria popolarità proprio con la nascita del Trio. Tra le rappresentazioni di maggior successo, ricordiamo “ I promessi sposi”che fu visto da milioni di telespettatori.La fine del Trio avvenne nel 1994. Da quel momento Lopez e Solenghi hanno intrapreso strade diverse, cimentandosi in vari ruoli tra cinema, teatro e televisione. Recentemente i due artisti hanno partecipato ad una delle trasmissioni più acclamate di Mamma Rai, ovvero,Tale e Quale Show, condotta da Carlo Conti. Ed è proprio in quella occasione, dove hanno interpretato con maestria e ironia, il duo canoro Art e Garfunkel, è nata l’idea di tornare a recitare a teatro, assieme. Ricordando la meravigliosa Anna Marchesini.Lo spettacolo che li vede protagonisti si snoda con il contributo musicale della Jazz Company diretta dal maestro Gabriele Comeglio, che suona il sax. Gli altri musicisti sono Fabio Gangi al pianoforte, Ezio Rossi al basso, Marco Serra, alla batteria e Caterina Comeglio voce e percussioni.


SERENA DANDINI A
CAGLIARI E NUORO

IL SUO “ SERENDIPITY”
CONVINCE E STRAPPA APPLAUSI


di Andrea Porcu
(12-12-2017) Serena Dandini(
foto dal web) si conferma autrice ed interprete raffinata e ironica quanto basta per farci ridere e riflettere. Il suo secondo “lavoro” teatrale “ Serendipity- Memorie di unadonna difettosa” ha fatto tappa a Cagliari, nell’ambito del festival delle culture resistenti, Karel expò e Nuoro, lasciando una scia di consensi e applausi.L’artista romana è affiancata sul palcoscenico da una strepitosa Germana Pasquero, che ha lavorato in tv con la Dandini nel programma “ l’ottavo nano”.Lo spettacolo scorre molto piacevolmente tra ricordi, battute e buona musica.Sono memorie di una donna, tra storie, avventure e “ cadute” che cerca di arrivare alla tanto sospirata pensione, dopo anni di onorato impegno.E assieme alle note di “ The wall” dei Pink Floyd, c’è un altro muro che si abbatte sulla protagonista, l’ex Ministro Elsa Fornero, che la Pasquero interpreta con sufficiente ironia. Altro che pensione a 67 anni, occorre lavorare almeno due anni in più. D’altronde sono le aspettative di vita che lo sentenziano!Inflessibile e rigorosa, la Fornero-Pasquero, mette un freno alle ambizioni legittime di una aspirante.pensionata. Ma in generale di tutta una categoria di lavoratori-trici, che si sentono defraudati dai provvedimenti adottati dall’allora governo Monti e sono costretti a restare al lavoro per anni ancora. Tra il semiserio e il “ troppo serio”, si fanno due sane risate, ma ci si interroga anche sul perché a tanti uomini e donne di buona volontà sia stato riservato un destino cosi amaro.E altrettanto inflessibile è scrupoloso è l’interrogatorio-farsa di “un giudice della tv”, la giornalista Franca Leonsini, ( con una Pasquero, meravigliosa nella parte) che mettela Dandini davanti alle proprie responsabilità e debolezze, nella vita come nel lavoro.Un pubblico ministero televisivo che non da scampo alle ambizioni e passioni della lavoratrice.Un opera buffa che si riflette sulla realtà italiana.



PANICO A NEW YORK,SCOPPIO ACCIDENTALE TRA LA FOLLA
FALLITO ATTENTATO,POTEVA
SUCCEDERE UNA STRAGE


di Lea Dixon
(11-12-2017) Una bomba è esplosa su una piattaforma della metropolitana di Manhattan lasciando a terra cinque feriti compreso l'attentatore.Il mancato suicida si chiama Akayed Ulah,27 anni del Bangladesh,ora sotto stretta vigilanza da parte della polizia in un ospedale della città.Tutto è avvenuto alle 7,20 del mattino, in un'orario di punta,in un sottopassaggio del Terminal dell'Autorità Portuale vicino a Times Square.Secondo la polizia il dispositivo è esploso anzitempo riducendo di molto la strage che l'attentatore aveva intenzione di perseguire in un vagone della metropolitana,dove sicuramente avrebbe colpito centinai di persone,una strage che invece è stata ridimensionata perchè esplosa prematuramente facendo pochi feriti,nessuno è grave. A causa dell'incidente il traffico ha subito radicalmente dei cambiamenti,tre linee della metropolitana sono state evacuate e l'attacco ha creato seri problemi in tutta la zona prontamente presa d'assalto dalla polizia e dai federali.L'attentatore aveva già fatto parlare di se annunciando una strage in nome dell'Isis ma le cose sono andate diversamente.Non si sa se il giubbotto di Ulah abbia funzionato male o se sia stato azionato prima del tempo,sta di fatto che l'esplosione non ha funzionato a dovere e c'è stata una mezza strage,anzi solo pochi feriti rispetto a quello che aveva ipotizzato il mancato suicida,anche lui ferito.I federali hanno poi stabilito che Akayed Ulah,ex tassista, voleva condurre l'attentato da solo e dietro non c'era l'organizzazione dell'Isis.L'uomo avrebbe agito per vendetta contro i raid di Israele a Gaza.


ARIA DI NATALE MA C'E'
GIA' LA CORSA AI "CONSENSI"

CAMERE SCIOLTE ENTRO FINE ANNO,ELEZIONI POLITICHE IL 4 O L'11 MARZO,GENTILONI FINO ALLA FINE

di Luca Berni
(10-12-2017) L'aria natalizia ha svegliato i partiti che sentono incombente il ritorno alle urne(
foto dal web il premier Gentiloni).Dal moltiplicarsi delle dichiarazioni dei leader si capisce subito che ormai c'è il "rompete le righe" e fra tre mesi si andrà nuovamente a votare.C'è già la data e si sa anche che Gentiloni continuerà ad essere premier fino alla fine.Alle urne,quindi,il 4 marzo o al più tardi la settimana successiva.C'è fretta di andare a votare e il presidente della Repubblica Mattarella vuole che le cose vengano fatte con la condivisione di tutti i partiti.Forse non ci sarà tempo per l'eventuale approvazione dello Ius Soli,ma se il Pd fa l'ultimo guizzo Mattarella non si comporterebbe da severo giudice.L'importante che si vada a votare con l'accordo di tutti e soprattutto senza "pratiche importanti" inevase.C'è già una scaletta:il 28 dicembre Gentiloni con la tradizionale conferenza di fine anno dovrebbe riunire,ma lo potrebbe fare anche il giorno successivo,il Consiglio dei ministri aprendo di fatto allo scioglimento delle camere con o senza visita del premier al Colle.


C'E' UN NUOVO BUSINESS
DEL "CARO ESTINTO"

SARDEGNA,PREVENTIVO DI 100 MILA EURO PER DARE DEGNA SEPOLTURA ALLA BALENA SPIAGGIATA

di Marco Giovine
(10-12-2017) Stava diventando complicato decidere lo spostamento della carcassa della balena di oltre 17 metri spiaggiata da tempo a Platamona(
foto dal web).Del resto non poteva più stare in riva al mare e si aveva fretta per prendere una decisione e trovare una degna sepoltura per questo grosso mammifero marino che gli esperti ritengono che sia una specie abbastanza rara.E' intervenuto anche il Cert,una delle tante "istituzioni" che devono prendere decisioni quando si tratta di balene spiaggiate,che ha dato l'autorizzazione per dividere la carcassa del mammifero,il resto lo ha fatto il comune di Sorso che ha "sepolto" la grossa balena.Per rimuoverla,dopo essere stata sezionata in più parti per agevolare il trasporto,si è azionata una trattativa privata e c'è chi ha chiesto almeno 100 mila euro per trasportarla in un terreno comunale.L'ultimo viaggio,alla fine,è costato almeno 32 mila euro.Le spiagge sarde sono nuove a queste situazioni e non sarebbe male che ad intervenire in toto,con tutte le procedure del caso,sia la Regione Sardegna attraverso l'assessorato competente che ha la struttura e i mezzi per risolvere il problema.Ultimamente questi cetacei preferiscono la Nuova Zelanda.Qualche giorno fa 400 balene si sono spiaggiate nella splendida Golden Bay,300 delle quali sono morte per asfissia.C'è stata una corsa contro il tempo per salvare le balene vive.Non si sa quanto hanno speso le istituzioni competenti della Nuova Zelanda per salvare le balene e come si siano comportati per dare una degna sepoltura a quante sono morte sull'arenile.Sta di fatto che,comunque,c'è un nuovo business per l'ultimo viaggio delle balene.


L'INFLUENZA E' IN ANTICIPO,
PRIMO CASO A PAVIA

IL VIRUS E' AGGRESSIVO
CON VOMITI E BRONCHITI

IL PICCO A GENNAIO,
SARANNO 5 MILIONI A LETTO


di Carlo Imbesi
(7-12-2017) Il primo caso del virus dell'influenza,già in circolazione, è stato registrato a Pavia.Un bambino è stato ricoverato alla Clinica Pediatrica con febbre e vomito ed è il "caso zero" del virus che dovrebbe interessare gli italiani nelle prossime settimane.Il picco dei contagi si avrà,secondo gli esperti,verso gennaio ma non c'è da preoccuparsi perchè il virus A/H1N1 è sotto controllo.Col freddo è arrivato anche il virus che è piuttosto aggressivo con sintomi quali vomito,malessere e stati influenzali che possono interessare i polmoni come bronchioliti e bronchiti.Gli esperti dicono di vaccinarci tutti per proteggere noi stessi e gli altri bloccando quindi il diffondersi di patologie che potrebbero danneggiare soprattutto i soggetti più a rischio come i bambini e anziani e quelli con patologie cardiache e infezioni respiratorie.L'andamento dovrebbe essere quello dell'anno scorso quando costrinse a letto oltre 5 milioni di italiani e altri 10 milioni con virus parainfluenzali.

IL NEW YORK TIMES HA
SCOPERTO IL PROPRIETARIO

ECCO CHI HA ACQUISTATO PER 450 MILIONI DI DOLLARI IL SALVATOR MUNDI DI LEONARDO

di Giovanni Picchi
(7-12-2017) Dopo una caccia snervante per sapere l'acquirente del "Salvator Mundi" di Leonardo(
foto e a destra l'acquirente),ecco la rivelazione del New York Times che ha la certezza che il possessore del quadro si trovi nell'Arabia Saudita.E la cosa ha naturalmente dell'incredibile perchè il soggetto è anti-islamico ma questo fatto non è per niente controverso trattandosi di un'opera che appartiene all'umanità dei popoli.Il quotidiano americano,quindi,ha scoperto che l'opera di Leonardo è stato acquistato dal principe 32enne della corona Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud pagando la bella cifra alla Christie's di 450 milioni di dollari.Il principe appartiene a un ramo remoto della famiglia reale saudita e il suo nome non è conosciuto per essere un collezionista.Bocche cucite alla Christie's che non ha voluto confermare l'identità dell'acquirente.


IL NEW YORK TIMES HA
SCOPERTO IL PROPRIETARIO

ECCO CHI HA ACQUISTATO PER 450 MILIONI DI DOLLARI IL SALVATOR MUNDI DI LEONARDO

di Giovanni Picchi
Dopo una caccia snervante per sapere l'acquirente del "Salvator Mundi" di Leonardo(
foto e a destra l'acquirente),ecco la rivelazione del New York Times che ha la certezza che il possessore del quadro si trovi nell'Arabia Saudita.E la cosa ha naturalmente dell'incredibile perchè il soggetto è anti-islamico ma questo fatto non è per niente controverso trattandosi di un'opera che appartiene all'umanità dei popoli.Il quotidiano americano,quindi,ha scoperto che l'opera di Leonardo è stato acquistato dal principe 32enne della corona Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud pagando la bella cifra alla Christie's di 450 milioni di dollari.Il principe appartiene a un ramo remoto della famiglia reale saudita e il suo nome non è conosciuto per essere un collezionista.Bocche cucite alla Christie's che non ha voluto confermare l'identità dell'acquirente.


SVOLTA STORICA,TRUMP:
GERUSALEMME CAPITALE DI ISRAELE

TUTTI CONTRO IL
PRESIDENTE AMERICANO

HAMAS:"APRE LE PORTE DELL'INFERNO"
MA POTREBBE ESSERE LA CHIAVE PER LA PACE CON I PALESTINESI


di Lea Dixon
(6-12-2017) Quello che già era nell'aria è avvenuto e la decisione di Trump(foto dal web), attesa da una parte e combattuta dall'altra, è diventata realtà.Da adesso in poi Gerusalemme è la capitale di Israele,una decisione per niente sofferta e programmata già nella campagna elettorale di Trump.Netanyahu naturalmente esulta ma tante le voci contrarie come la Ue,Turchia ma anche delle Nazioni Unitte mentre c'è l'ira di Hamas che dice che questa decisione "apre le porte dell'inferno":Presa di posizione anche da parte di Papa Francesco che si limita a dire che "la Terra Santa è il luogo per eccellenza di dialogo tra Dio e l'umanità e questo dialogo è basato sul rispetto reciproco".Secondo i piani del presidente degli Stati Uniti il riconoscimento di Gerusalemme è il tentativo di dare consistenza e spessore alla pace,visto che per oltre 50 anni la divisione della città aveva prodotto solo guerre.E se avesse ragione lui?E' chiaro che è un modo diverso di arrivare alla pace e nel conto ci sono polemiche e manifestazioni ma che alla fine la regione dovrebbe dare un solido contributo,assieme all'Arabia Saudita e all'Egitto,per costringere l'Iran a negoziare la pace in un momento storico nel quale è latitante la parola riconciliazione.Trump contro tutti ma bisogna aspettare per dare giudizi affrettati perchè se dovesse avere ragione il presidente degli Usa Gerusalemme potrebbe essere veramente la chiave per la stabilità della regione e per un accordo di pace sostenibile tra israeliani e palestinesi.



IL SETTIMANALE TIME NOMINA LA PERSONA DELL'ANNO 2017
E' DEDICATO ALLE DONNE CHE HANNO ROTTO IL MURO DEL SILENZIO E DENUNCIATO MOLESTIE SESSUALI

di Natalia Brian
(6-12-2017) La prestigiosa rivista Time ha dedicato la copertina(foto a sinistra mentre a destra il produttore Harvey Weinstein accusato di abuso sessuale) nominando donne dell'anno tutte quelle che negli ultimi mesi negli Stati Uniti hanno riportato casi di molestie sessuali da parte di persone potenti.Molte donne si sono ritrovate in un movimento spontaneo noto come # MeToo (anche a me)e continuano a dare battaglia sensibilizzando l'opinione pubblica sulla gravità della situazione.Il fenomeno si è sviluppato in modo particolare dopo questa estate e l'obiettivo è stato in modo particolare il potente produttore di Hollywood Harvey Weinstein,accusato da diverse attrici di aver compiuto su di loro abusi commessi per decenni ma sotto osservazione sono stati altri attori come Kevin Spacey autore di abusi su attrici non sempre alle prime armi.Nella copertina del Time appaiono alcune donne(da sinistra verso destra in piedi Ashley Judd-attrice-Taylor Swift-popstar- sedute da sinistra Isabel Pascual-agricoltrice- Adama Iwu-lobbysta- e Susan Fowler-ex ingegnere Uber) ma il titolo "persona dell'anno" va al movimento # MeToo che si è distinto per aver rotto il silenzio delle molestie sessuali ma è dedicato anche a tutte quelle,nel mondo,che in maniera silenziosa hanno subito per tanto tempo questo flagello sessista e solo ultimamente hanno avuto il coraggio di denunciare,con interviste e prese di posizione,i loro "mostri" contro i quali c'è ora un altro futuro che non è quello,come lo era prima,dorato e ossequioso.E c'è chi ha portato in tribunale il premio oscar del 2015 il produttore Harvey Weinstein.Sei donne lo hanno portato davanti al tribunale federale di New York sostenendo che il produttore aveva creato un'organizzazione criminale per coprire i suoi abusi sessuali.La lista è lunghissima,pare quasi 70 donne,tra le quali figurano Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow.Nella lista delle persone 2017 del Time figurano anche il presidente Trump e il presidente cinese Xi Jinping.Al quinto posto c'è anche il leader nordcoreano Kim Jong un.


TRUMP VUOLE SPOSTARE
L'AMBASCIATA USA A
GERUSALEMME
"E' UNA VERA E PROPRIA AGGRESSIONE"
SARA' UNA TEMPESTA INTERNAZIONALE,L'UE E MACRON CHIEDONO DI NON FARLO

di Carla Peis
(5-12-2017) Il leader palestinese Mahmous Abbas è sul piede di guerra perchè Trump(foto dal web) ha dichiarato che vuole spostare l'ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme.Si teme che ciò causerà enormi disordini in Medio Oriente e le conseguenze,dice Abbas in un'intervista telefonica,saranno molto pericolose per il processo di pace,la stabilità e la sicurezza all'interno non solo della regione ma nel resto del mondo.Non solo i palestinesi ma anche l'Ue è dello stesso avviso e la decisione del presidente degli Stati Uniti potrebbe innescare una tempesta internazionale.Il presidente francese chiede un passo indietro di Trump mentre la Turchia ha minacciato una possibile rottura diplomatica con Israele se gli Stati Uniti dovessero spostare l'ambasciata.Categorico e preciso è stato il presidente francese Emmanuel Macron che evidenzia un passo da evitare perchè sarebbe un fatto esplosivo e ciò potrebbe riaccendere il conflitto nel Medio Oriente.La decisione di Trump potrebbe non arrivare a breve anche se tutto fa pensare che il presidente Usa si sia già espresso in alcune conversazioni. Lo spostamento della legazione diplomatica fu deciso nel 1995 ma i vari presidenti lo hanno sempre rinviato.Le promesse elettorali di Trump adesso trovano conferme e sembra che il presidente Usa voglia attenuarne gli effetti con un trasferimento a Gerusalemme non in maniera immediata.Gerusalemme è una ferita aperta ed è il simbolo della discordia.Nessun presidente americano aveva osato dare indicazioni ed attuarle.Trump ha realizzato una promessa elettorale.Dopo 70 anni,quando ci fu l'accoardo di partizione della Palestina che collocava la città sotto l'amministrazione internazionale,si cambia.Allora la parte occidentale fu occupata da Israele e dopo la guerra nel giugno del 1067 anche quella orientale e solo in quest'ultima zona i palestinesi consideravano la loro capitale.In pratica gli Usa con questa azione riconoscono di fatto la città di Gerusalemme capitale dello stato di Israele ignorando l'occupazione palestinese nella parte della Gerusalemme est.Un fatto grave e gli analisti già parlano di una vera e propria aggressione.


CATALOGNA, DAL BELGIO PIGDEMONT LANCIA LA CAMPAGNA DEL 21 DICEMBRE
SEI CONSIGLIERI CATALANI LASCIANO IL CARCERE DOPO AVER VERSATO 100 MILA EURO

di Paolo Pellegrini
(4-12-2017) Il Giudice della Corte suprema spagnolo Pablo Llarena ha rimesso in liberta 6 dei 10 consiglieri del parlamento catalano(foto dal web Alcuni consiglieri lasciano il carcere),quelli dell'indipendenza della Catalogna con la Spagna,dietro deposito cauzionale di 100 mila euro.Non ha concesso la libertà invece per Oriol Junqueras,il numero uno nella lista ERC per le elezioni catalane del 21 dicembre,ma anche per Joaquim Forn e per Jordi Sanchez e Jordi Cuixart.I sei consiglieri rilasciati sono Carles Mundo, Raül Romeva, Jordi Turul, Josep Rull, Dolors Bassa e Meritxell Borras i quali,dopo aver versato la cauzione,hanno lasciato la prigione con l'impegno di rispettare le misure precauzionali emessi dal giudice come,ad esempio,il divieto di lasciare il Paese.Il giudice ha confermato il carcere per Junqueras, Forn e i due Jordi con un "rischio di reiterazione del reato" ritenendo le "loro azioni direttamente vincolate con una esplosione di violenza". Il capolista dei socialisti catalani Miquel Iceta ha parlato di una «assurda notizia» e ha definito «sproporzionata» la detenzione dei consiglieri secessionisti.Intanto dal Belgio Carle Puigdemont chiama a raccolta gli abitanti per la sfida per le elezioni del 21 dicembre in Catalogna.Il "presidente destituito" è ancora in esilio e punta a ratificare l'indipendenza del referendum.E' ancora colpito da un mandato di arresto europeo ma non è affatto preoccupato.Lancia la sfida a Rajoy che ha imposto l'articolo 155.La situazione,dice l'ex presidente,"è grave" e da queste elezioni si vedrà se "Rajoy ha vinto o perso".



DALLA CARTA STAMPATA AL WEB - TERZA PAGINA è ONLINE - LA PUBBLICITA' INSERITA E' PUBBLICATA GRATUITAMENTE | terzapagina_2006@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu