TERZA PAGINA


Vai ai contenuti

LE NOTIZIE DI OTTOBRE 2018

ALLERTA ARANCIONE SULL'ITALIA,
12 MORTI NEL PALERMITANO

IL MALTEMPO SI SPOSTA AL NORD,
C'E' POI L'ESTATE DI SAN MARTINO

MARTEDI DA BRIVIDO IN SARDEGNA,
ARRIVA ALTRA PERTURBAZIONE


di Carlo Maria Murgia
(4-11-2018) Bisognerà aspettare a venerdi per avere un periodo meteo più tranquillo che ci condurrà all'estate di San Martino.Per il momento il vortice di bassa pressione che si è posizionato nell'area della Sardegna(
foto dal web/Social E' sparita la spiaggia del Poetto a Cagliari a causa del maltempo) porterà tempo instabile su buona parte dell'Italia e non è detto che il suo allontanamento porterà necessariamente una tregua,sicuramente determinerà una nuova grave instabilità che inizierà da martedi in Sardegna per l'arrivo di altra perturbazione atlantica,per poi proseguire nel Nord tra mercoledi e giovedi.Le temperature non scenderanno e resteranno in media poco oltre la norma stagionale.Intanto però in tutta Italia si contano i danni soprattutto in Sicilia dove nel palermitano,tra sabato e domenica 4 novembre,ci sono state 12 vittime.E in una villa in provincia di Palermo,a Casteldaccia,sono morte 9 persone tra nonni,genitori e figli annegati in seguito alla piena del Milicia.Tra le vittime anche due bambini.E' comunque tutta la Sicilia ad essere interessata da questo violento nubifragio che non ha risparmiato nessuno con morti e danni rilevanti ovunque.C'è anche un disperso,un medico 40enne di Corleone.In Sardegna l'instabilità ha portato tanta pioggia e tanti danni.Molte le strade chiuse al traffico per allagamenti come la 126 Sud Orientale Sarda e la 197 di San Gavino oltre alla 390 di Barisardo.Una tromba d'aria nel nuorese tra Siniscola e Budoni mentre un traliccio dell'alta tensione è stato scaraventato sulla strada statale per Posada.Nel cagliaritano molte zone sono paralizzate a causa delle piogge e i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire in numerosi casi.La spiaggia del Poetto è scomparsa nuovamente mentre ci sono stati problemi di viabilità in molte strade del capoluogo come,ad esempio,a Pirri ma anche nel Quartiere del Sole.Data la grave situazione sono stati chiusi parchi,musei e cimiteri.


ALLERTA ROSSA IN SICILIA,SITUAZIONE
APOCALITTICA NEL VENETO E IN LIGURIA
ALLERTA ARANCIONE IN SARDEGNA CON PIOGGE INTENSE E TEMPORALI FINO ALLA MEZZANOTTE DI DOMENICA

di Carlo Maria Murgia
(3-11-2018) Mentre il maltempo continua a flagellare buona parte dell'Italia(foto dal web/Social) è nuovamente allerta arancione per la Sardegna.La Protezione civile sarda ha prorogato l'intensità meteo fino alla mezzanotte di domenica 4 novembre.Una criticità,dicono gli esperti,che potrebbe essere superiore alla tempesta di qualche giorno fa.Sono previste piogge intense,temporali e inondazioni.Sorvegliati speciali le zone del cagliaritano,iglesiente e la Gallura.Episodi isolati di grave intensità nel Sud-est ma anche al Nord.E' invece apocalittica la situazione nel Veneto dove non si è fatta la conta dei danni dei diversi nubifragi che hanno interessato diverse aree.Dai primi sopralluoghi i danni sono enormemente pesanti con strade devastate in una situazione di grave disastro ambientale.Nel bellunese numerosi gli alberi abbattuti durante i nubifragi.Allerta rossa in Sicilia e in modo particolare a Palermo,Trapani ed Agrigento.Rimangono comunque più colpite le regioni della Liguria,Friuli Venezia Giulia e il Veneto.E adesso,dopo l'Adige,inizia a preoccupare anche il Po.


BOCCIATA LA GRANDE RISERVA
MARINA DELL'ANTARTICO

RUSSIA,CINA E NORVEGIA HANNO
FATTO NAUFRAGARE IL PIANO

GLI SCIENZIATI DICONO CHE IL FUTURO DELL'UMANITA' E' A RISCHIO

di Natalia Brian
(2-11-2018) Tutto era pronto per creare una grande riserva antartica(
foto dal web/Social) forte dei suoi 1,8 milioni di kmq,quasi 6 volte più grande della Germania.Mancavano gli atti conclusivi poi improvvisamente sono mancate anche le firme di Russia,Cina e Norvegia,le nazioni più importanti.Tutto svanito e addio alla riserva antartica che avrebbe messo paletti importanti proteggendo le acque e vietando la pesca.Dietro questa decisione,per molti versi di grande spessore,ci sono grossi interessi legati soprattutto alla caccia alle balene blu molto richieste in Oriente.E adesso,oltre alle balene,sono in pericolo anche leopardi,orche e pinguini.La riunione a Hobart in Tasmania,che avrebbe dovuto dare l'ok alla costituzione della grande riserva antartica,è naufragata sulle decisioni negative di alcuni paesi quindi la CCAMLR ha respinto il piano che per essere avallato aveva bisogno di un accordo unanime.La riserva,tra l'altro,avrebbe avuto un ruolo importante nell'affrontare il cambiamento climatico perchè,come si sa,i mari dell'Antartico assorbono enormi quantità di anidride carbonica dall'atmosfera.Per la realizzazione della grande riserva si erano impegnati,con proposte e manifestazioni,i gruppi ambientalisti che continueranno a reagire con forza dopo la bocciatura del piano.Le loro battaglie per la salvaguardare la fauna selvatica,il cambiamento climatico e migliorare la salute degli oceani non hanno avuto successo perchè si sono preferite le tattiche dilatorie e gli interessi di parte senza considerare gli aspetti scientifici che sono alla base della nostra salute e degli oceani.Da uno studio è emerso che il nostro comportamento sta creando seri problemi all'habitat:dal 1970 si sono distrutte il 60% delle popolazioni di animali selvatici e le conseguenze potrebbero essere devastanti per il futuro dell'umanità.

PAKISTAN,ASIA BIBI E' STATA
ASSOLTA MA NON E' LIBERA

LA SENTENZA E' STATA
POSTICIPATA DI 3 SETTIMANE

PAURA DI MORTE PER LA RAGAZZA CRISTIANA E I 3 GIUDICI

di Marco Giovine
(31-10-2018) La notizia non può che fare piacere perchè in Pakistan la Corte Suprema ha assolta Asia Bibi(
foto dal web/Social Manifestazioni di odio per la ragazza cristiana).Era stata arrestata nel 2009 e condannata a morte nel 2010 per presunta blasfemia.Adesso che il tragico calvario è finito nascono i problemi per la sua sicurezza ma anche per quella dei giudici che l'hanno assolta non il 31 ottobre alle 9,20 del mattino(le 5,20 in Italia) ma nientemeno che 3 settimane prima solo che il verdetto non è stato comunicato subito per paura delle conseguenze.Quando tutto era in sicurezza e la polizia aveva messo sotto controllo i palazzi della politica e i 3 giudici che hanno emesso la sentenza(Asia Bibi sta già affrontando una nuova vita col marito e i suoi figli fuori dal Pakistan),è venuto fuori il comunicato della sentenza.A questo punto si è scatenato il partito politico che aveva già da tempo preteso la punizione massima per la contadina cristiana accusata di blasfemia e se questo non sarebbe avvenuto sarebbe stata a rischio della vita sia Asia Bibi ma anche i 3 giudici.I fondamentalisti non si danno pace e hanno compiuto diverse manifestazioni,amplificando l'odio anche attraverso i social,invocando l'impiccagione di Asia e la morte dei giudici che hanno assolto la ragazza.E' un verdetto storico in un paese dove vige questo reato,continua ad essere un crimine nei paesi dove c'è la sharia come ad esempio il Pakistan,e per questo motivo c'è stata l'audacia e il coraggio di una posizione netta contro il fanatismo religioso che per tanti anni ha bloccato e danneggiato il tessuto sociale e ha emarginato le minoranze religiose come i cristiani.Adesso Asia Bibi è stata assolta ma non è libera,come non sono liberi i tre giudici che sono spariti dalla circolazione perchè braccati dagli estremisti religiosi.Un altro sostenitore dell'assoluzione di Asia,il governatore del Punjab Salmaan Taser,non ha avuto vita facile ed è stato colpito alle spalle da una delle sue guardie del corpo.Chiunque ha a che fare contro la blasfemia trova la morte,non ci sono mezzi termini.


MALTEMPO NON CI LASCIA,PER OGNISSANTI NUOVA PERTURBAZIONE
PRIMA NEVE IN SARDEGNA,IL GENNARGENTU E' IMBIANCATO
VENEZIA,ALLAGATA LA BASILICA DI SAN MARCO,DANNI AL PAVIMENTO E AI MIRO'

di Carlo Maria Murgia
(30-10-2018) Tragedie e disagi in un'Italia che si scopre sempre più paese dal clima tropicale.La tempesta quasi perfetta di questi giorni ha messo in ginocchio un pò tutte le regioni italiane e nonostante queste tragedie e questi inconvenienti siano state annunciate non si è fatto abbastanza per evitarli(
foto dal giornale online PAIS Acqua alta in piazza S.Marco).Non si parla degli esondamenti dei fiumi e di quelli di poca importanza,per i quali si sono inalzate solo chiacchiere e pochi progetti cantierabili,ma anche della sicurezza delle strade e del grande patrimonio del verde dove non c'è stata nessuna attenzione tanto che gli alberi delle città sono stati i killer delle nostre città.E i morti per il momento sono 11 e i danni sono incalcolabili.Si poteva evitare tutto questo?Sicuramente si o per lo meno si poteva contribuire ad evitarli.Si è scelto la cosa più inumana che ci sia:quello di non fare nulla.E l'immagine del disastro è sotto gli occhi di tutti.L'elenco è lungo,dalla Liguria,alla Campania,ma anche in Calabria,Emilia Romagna e nel Veneto.In Sardegna il forte vento,le grandinate e i tanti temporali hanno devastato il territorio.Da segnalare che c'è la prima neve in Sardegna col Gennargentu imbiancato(speranze per la stagione sciistica).E il maltempo continuerà nei prossimi giorni grazie ad una circolazione depressionaria.E per Ognissanti sull'Italia ci saranno condizioni di intensi temporali diffuse da Nord a Sud.Chiudiamo con le immagini di Venezia sotto l'acqua con troppi disagi(piazza S.Marco alle prese con l'acqua alta) ma anche con danni incalcolabili per l'allagamento della basilica di San Marco,che ha inondato spazi importanti del pavimento millenario di fronte all'altare della Madonna Nicopeia,inzuppando tra l'altro anche due arazzi di Mirò da due milioni di euro.


MALTEMPO,OGGI TREGUA IN TUTTA ITALIA.MERCOLEDI NUOVO PEGGIORAMENTO
E' IL GIORNO DELLA CONTA DEI DANNI CON 7 MORTI E UN DISPERSO
IN SARDEGNA TROMBE D'ARIA E GRANDINATE RECORD,ACQUA ALTA A VENEZIA

(29-10-2018) C'è una tregua e quella di martedi 30 ottobre è anche la giornata propizia per fare la conta dei danni lungo tutta la nostra Penisola(foto di Giorgia Picchini Piazza S.Marco a Venezia invasa dall'acqua alta).Gli esperti danno ancora una previsione di instabilità in alcune regioni,come Lombardia e nel Veneto ma anche nel Lazio e in modo particolare a Roma dove le scuole continueranno a stare chiuse,mentre si fa spazio un discreto bel tempo in poche regioni e la Sardegna sarà interessata da ultimi piovaschi in attenuazione nel pomeriggio.La giornata di lunedi 29 ottobre sarà ricordata per il forte maltempo con nubifragi,frane e venti molto forti che in Sardegna hanno toccato i 160 chilometri orari con trombe d'aria e grandinate record piuttosto violente ad Alghero dove sono state danneggiate macchine e molte persone sono state ferite da pezzi di ghiaccio a volte grandi come il palmo di una mano.E per rimanere in Sardegna da segnalare la grande mareggiata a Cagliari che ha fatto sparire completamente la spiaggia del Poetto.La furia del maltempo in Italia ha causato anche 7 vittime e un disperso.Disagi sulle strade,per la caduta dei rami sull'asfalto e per allagamenti ed esondazioni,sospesi i collegamenti con le isole minori,chiuse scuole ma anche parchi,musei e cimiteri.Un'Italia,insomma,in ostaggio della pioggia e del forte vento.E c'è anche la notizia dell'acqua alta a Venezia,che di per sé non è una novità,che ha però toccato i ragguardevoli 156 centimetri ed è il quarto record di sempre.L'acqua ha raggiunto il 75% della superficie della città e per fortuna non ci sono molti danni e non ci sono criticità mentre montano le polemiche contro il Mose che di fatto doveva salvare Venezia(mancano ancora 15 paratie)ma è tutto rimandato al 2021(salvo imprevisti).Mercoledi si replica e il maltempo continuerà la sua corsa.


E' CAOS METEOROLOGICO ALLUVIONALE,
5 REGIONI CON ALLERTA ROSSA

ANCHE LA SARDEGNA ALLE
PRESE COL MALTEMPO

ALLERTA GIALLA NEL
CAMPIDANO E NELL'IGLESIENTE


di Paolo Pailla
(28-10-2018) Adesso gli esperti meteo parlano di caos meteorologico alluvionale(
foto dal web/Social).E' quello che sta avvenendo e che succederà in modo particolare nella giornata di lunedi 29 ottobre almeno in 5 regioni italiane,c'è anche la Sardegna con allerta però gialla.Sotto osservazione la Liguria(tromba d'aria a Genova),il Piemonte poi il Trentino,Veneto(acqua alta a Venezia) e Friuli.Intanto però lo scenario della fortissima perturbazione atlantica ha raggiunto anche Lazio e Roma in particolare.Sta succedendo di tutto e c'è allerta rossa.In buona parte del paese nelle prossime ore ci saranno condizioni di maltempo con piogge,temporali e venti forti.E l'apice sarà proprio per lunedi 29 ottobre tra le 17 e le 18.E torna il maltempo anche in Sardegna.La protezione civile ha diramato l'allerta gialla per lunedi e martedi 30 ottobre.Le zone più critiche saranno in modo particolare il Campidano e l'Iglesiente.

NUOVA MISSIONE FARAONICA ALLA SCOPERTA
DEI SEGRETI SUL PIANETA ROSSO

LA COMUNITA' SCIENTIFICA CHIEDE ALLA NASA UNA MEGA MISSIONE:C'E' MAI STATA VITA SU MARTE?

di Sonia Thery
(27-10-2018) L'obiettivo è non fermarsi a un solo sito ma scoprire in diverse zone segni di vita nella storia antica su Marte(
foto dal web/Social).Non solo quindi il presente ma un'accurata ricerca sulla possibilità che il pianeta abbia avuto in passato vita marziana.Il progetto è faraonico e di grande interesse ed è portato avanti dalla comunità scientifica che vuole che venisse realizzato un robot che sul pianeta visiti luoghi diversi e possa raccogliere rocce per avere più possibilità di trovare la vita.Si vorrebbe,quindi,un rover Curiosity più tecnologico ai limiti delle sue prestazioni.La Nasa accoglierà l'invito della comunità scientifica?Di sicuro comunque c'è una data,il 2020,quando sarà lanciato una missione su Marte.In quella occasione gli scienziati vorrebbero un impegno più incisivo e più concretamente grandioso,un mega missione che sia ricordato nei secoli.Secondo le ricerche effettuate su Marte la probabilità di vita esistente è minima o inesistente.Nonostante queste realtà la domanda che corre ancora è:c'è mai stata vita su Marte?Ci vorrebbe una missione conclusiva,unica e grandiosa.Una cosa è certa:Marte miliardi di anni fa era simile alla Terra quindi quelle rocce potevano avere resti di vita prima che sparisse l'atmosfera del pianeta e evaporasse l'acqua superficiale.


AUTOGOL LEGHISTA ALLA REGIONE LOMBARDIA:
UNA MOSCHEA AL POSTO DELLA CHIESA
IL GOVERNATORE FONTANA:
MA NON SARA' FACILE PER I VINCOLI

"DIRITTO DI PRELAZIONE PER NON CEDERE LA CHIESA AI MUSULMANI"

di Gigi Sartori
(26-10-2018) Si pensava ad uno scherzo o ad un tentativo di provocare il leader della Lega Salvini che proprio in Lombardia ha messo dei paletti precisi per non aprire le moschee.Ironia della sorte comunque la moschea si apre alla grande proprio nella sua regione.Tutto è successo perchè l'Associazione musulmani ha vinto l'appalto della Regione Lombardia per l'acquisto dell'immobile che si trova all'interno della zona degli ex Ospedali Riuniti di Bergamo.In passato la chiesa(foto dal web/Social) era stata utilizzata dalla comunità romena ortodossa per le proprie funzioni religiose poi è andata a far parte dei beni in vendita perchè di proprietà della Regione.E in un baleno all'asta ecco presentarsi proprio la comunità islamica che la trasformerà in moschea.Insomma:prima la Regione Lombardia vieta il diritto di culto ai musulmani poi fa trasformare una chiesa in moschea.C'è qualcosa che non va,dicono quelli della Lega,ed è assurdo che per far cassa ci si priva di un bene da consegnare ai musulmani per costruire una moschea.E' un utentico autogol per la Lega e per lo stesso Salvini che adesso vuole vederci chiaro in tutta la vicenda.E dopo i vincoli della tutela della Soprintendenza spunta anche la prelazione da parte della Regione Lombardia per non cedere la chiesa ai musulmani e su Facebook il governatore della Regione,leghista,Attilio Fontana rassicura Salvini:"Il simbolo della cristianità della cappella della Chiesa sarà salvaguardato".

TRA SABATO E DOMENICA 28 OTTOBRE LANCETTE INDIETRO DI UN'ORA
SARA' L'ULTIMA VOLTA,L'EUROPA:
STOP AL CAMBIO DAL 2019

ATTENZIONE ALL'ORA SOLARE:
PIU' INCIDENTI STRADALI E SUICIDI


di Francesco Atzeni
(26-10-2018) Torna l'ora solare.Fra sabato 27 e domenica 28 ottobre si dovrà spostare le lancette dell'orologio un'ora indietro(
foto dal web/Social),quindi dormiremo un'ora in più.L'ora solare resterà in vigore fino all'ultimo weekend di marzo 2019 e sarà.molto probabilmente,l'ultima volta che utilizzeremo questo sistema per lasciare spazio ad un'unica utilità e dopo il via della Commissione Europea ogni singolo Stato avrà la libertà di scegliere l'ora da adottare.La proposta arriva direttamente dal presidente Jean-Claude Juncker e quasi certamente sarà accettata dopo che un referendum a livello europeo ha dato un alto gradimento del nuovo sistema senza,cioè,gli spostamenti delle lancette dell'orologio.Quindi anche l'Italia dovrebbe presto adottare il sistema più adatto che sicuramente avrà delle ripercussioni sulle nostre abitudini.Come si comportano invece negli altri Paesi?In Russia,ad esempio è stata abolita dal 2011,nella fascia tropicale non viene utilizzata perchè la variazione delle ore di luce è minima mentre nell'emisfero australe funziona in maniera inversa rispetto a quanto avviene in Europa e a fine ottobre entrerà l'ora legale e non quella solare.Col recupero del programma invernale ci saranno meno ore di luce e questo fatto potrebbe,ad esempio,influire sull'umore degli automobilisti che avranno più bisogno di sonno e potrebbero essere in preda alla depressione(attenzione agli incidenti stradali).Non sarà facile adattarsi.Gli esperti dicono che ci saranno dei problemi nei primi giorni se non nella prima settimana dell'ora solare e saremo condizionati dai processi della melatonina,cioè l'ormone del sonno,che ci dice che con più luce ci sarà meno melatonina.Ci saranno cambiamenti dell'umore e diminuiranno le nostre prestazioni fisiche e intellettuali con una produttività ridotta nelle prime 3 settimane.Gli esperti dicono,inoltre,che con l'ora solare ci saranno più suicidi e il crimine abbonderà.Attenzione ai bambini e agli anziani che saranno i più colpiti da questo cambiamento.


NESSUNA CANCELLAZIONE DELLE ACCISE,STANGATA DA NOVEMBRE 2018
LA FRANCIA MANIFESTA PER IL
CARO CARBURANTE ALLA POMPA
PETIZIONE RECORD:IN DUE
GIORNI 200 MILA FIRME


di Annamaria Pilloni
(25-10-2018) In attesa della cancellazione delle accise sulla benzina,promessa da Matteo Salvini in campagna elettorale e ribadito anche dal governo Lega e M5S,c'è l'ipotesi dell'aumento del prezzo carburanti a novembre 2018.La notizia sarebbe stata annunciata dall'Eni che praticherà un aumento di un centesimo(benzina e diesel) mentre il Gpl diventerà più caro di due centesimi.E questi aumenti potrebbero essere seguiti dalle altre compagnie.Questi i prezzi praticati oggi.Se si sceglie di servirsi da soli si pagherà la benzina fino a 1,667 euro a litro e fino a 1,562 per il diesel.Se si sceglie di essere serviti si pagherà la benzina di più fino a 1,866 euro al litro mentre per il diesel si potrà arrivare a 1,751 euro al litro,ma ci sono differenze tra compagnie.In Francia invece c'è una forte rabbia per la decisione di aumentare i prezzi del carburante alla pompa in particolare del diesel.E c'è anche una petizione che nel giro di due giorni è schizzato a 200 mila firme,un malcontento che sta facendo impazzire i social e che preoccupa adesso i politici.Il primo ministro francese Edouard Philippe non molla e ha intenzione di aumentare le tasse sul gasolio di 7 centesimi e sulla benzina di 4 centesimi.Il governo difende questa scelta anche se gli automobilisti sono sul piede di guerra e hanno annunciato una grande manifestazione per il 17 novembre.Attualmente il prezzo del gasolio è mediamente di 1,52 euro e la benzina,sempre mediamente,di 1,56 euro.Da notare che anche su questi prezzi,sui quali c'è stato un aumento nel tempo,ci sono state manifestazioni per costringere il governo a non aumentare il prezzo del carburante.



PREOCCUPAZIONE DEGLI SCIENZIATI
PER UN'ISOLA CANCELLATA
LA VIOLENZA DELL'URAGANO WALAKA FA
SPARIRE L'ISOLA DELLE HAWAII,
CENTINAIA DI SPECIE IN PERICOLO




di Danilo Perseu
(24-10-2018) Due foto(
Dal web/Socila Prima e dopo) che inquadrano perfettamente la situazione dell'isola di East Island( video),di appena 4,5 ettari, che è stata spazzata via dall'uragano Walaka,una delle più potenti tempeste mai viste del Pacifico,categoria 5 quella più disastrosa mai capitata,rendendola a un fazzoletto quasi insignificante.Questa importante isola nord-occidentale dell'arcipelago hawaiano ha un habitat di tutto rispetto e di grande valore scientifico e ambientale come le foche monache delle Hawai in via di estinzione e le tartarughe marine verdi(foto sotto dal web/Social),il 96% delle quali sono annidate nell'isola.Questo paradiso della biodiversità pone adesso a rischio le specie.La sorprendente nuova situazione ha preoccupato da subito lo scienziato del clima Chip Fietcher dell'University of Hawaii il quale non pensava che l'isola di East Island andasse da subito sott'acqua in seguito al tremendo uragano e pensava che ci volessero ancora decenni prima dell'innalzamento del mare.E invece durante una notte tutto è cambiato e la forza e la quantità d'acqua ha spazzato via questo paradiso.Del resto,ha confidato lo scienziato,il percorso della tempesta ha avuto una traiettoria diversa da quella tracciata dagli esperti e l'isola ha avuto solo la sfortuna di trovarsi al centro di questo disastro senza precedenti.Adesso tutto è distrutto e forse ci vorranno anni prima che l'isola orientale riemerga e possa rivitalizzarsi per trovare una situazione stabile.E' anche possibile che questa isola sia definitivamente cancellata dalle mappe.



DOMUS DE MARIA,ARCHEOLOGI AL LAVORO
PER DATARE UNO SCHELETRO E UNA LUCERNA
"ARRIVANO DALL'ANTICHITA'" FORSE DA 2 MILA ANNI FA,UNA STORIA AFFASCINANTE DA SCRIVERE

di Davide Porcù
(23-10-2018) Una lucerna e uno scheletro sono stati riportati alla luce in seguito al nubifragio di una settimana fa in territorio di Chia(
foto TERZA PAGINA) nel comune di Domus de Maria(Cagliari).Si trovavano sotto la sabbia a Cala Cipolla e l'erosione ha riportato in superficie i reperti che risultano essere perfettamente conservati.Gli esperti della Sovrintendenza stanno stabilendo il periodo dei reperti ma dal manufatto tenuto in mano dallo scheletro sembrerebbe di diversi secoli fa se non di duemila anni fa.Ed è proprio sulla lucerna che gli archeologi stanno puntando il loro studio.Dalle prime fotografie sembrerebbe una lucerna anomala perchè non ha il foro quasi centrale dentro il quale c'era un liquido che serviva per farlo funzionare,non si nota un becco dal quale usciva la fiammella dopo aver bruciato l'olio e non c'è traccia di bruciato.Sono dettagli che saranno approfonditi dagli esperti i quali daranno risposte certe alle prime valutazioni che non riguardano la nostra epoca ma che è un tassello importante per la storia passata del territorio di Domus de Maria zona mare di Chia.La forma è di una teiera ed aveva la funzione di uno strumento di luce.In un'epoca dove non c'era la corrente elettrica è evidente che ci fossero più lucerne per avere spazi di luce più ampi.Se quel ritrovamento ha quella datazione si dovrebbe approfondire l'argomento e chiedersi se lo scheletro ritrovato appartiene a un caso isolato o fa parte di una famiglia o di un gruppo di persone stazionate in zona o poco distanti dal mare.La storia è affascinante come è di grande interesse la decorazione sopra il "disco" in rilievo di un "uccello",un simbolo che di solito trae spunto dalla mitologia o dall'epica e racconta una storia o anche la vita di persone che si trovavano nella zona.

LA COSTOSA STRUTTURA COLLEGA HONG KONG AL CONTINENTE CINESE
E' IL PONTE MARITTIMO
PIU' LUNGO DEL MONDO

L'INIZIATIVA E' CRITICATA MA CONTROLLERA' 3 GRANDI CITTA'

di Lello Leo Contes
(22-10-2018) In un periodo di ponti che crollano,come quello di Genova,fa notizia l'inaugurazione del ponte marittimo più lungo del mondo(
foto dal web/Social) che collega le città di Hong Kong e Macao al continente cinese.La costruzione è molto funzionale ed è da subito da primato perchè mette in relazione ben 11 grandi città cinesi e formerà una regione altamente tecnologica che avrà l'ambizione di contrastare la Silicon Valley.Il ponte è di grande rilevanza tanto che in settimana sarà lo stesso presidente cinese Xi Jinping a partecipare all'avvenimento e non si farà scappare questa occasione che gli offre la possibilità di un piano più ampio per integrare tutte quelle regioni cinesi che di fatto godono di una amministrazione speciale.Il ponte è costato oltre 20 miliardi di dollari ed è lungo 55 chilometri ma non tutti potranno transitare.In questa prima fase le auto private potranno attraversarlo utilizzando un permesso speciale mentre sono autorizzati i veicoli merci e i bus navette gestiti dai privati.Il ponte è stato iniziato nel 2009 e possiede una struttura ad alto livello,supportato da tre ponti strallati e vanta una resistenza di venti a 340 chilometri all'ora.Molti sostengono che questo ponte non è necessario anzi è superato dai collegamenti esistenti con la Cina continentale ma ci sono gli esperti e buona parte della popolazione che ritengono importante la struttura oltre per la grande integrazione di diverse grandi città come Hong Kong,Macau e Zhuhai.



ADDIO ESTATE,BRUSCO CALO
TERMICO DI 6/10 GRADI

ARRIVANO FREDDO E PIOGGIA DALL'EST,
MALTEMPO ANCHE IN SARDEGNA


di Giovanni Picchi
(21-10-2018) Sembrerebbe che il caldo abbia le ore contate.Almeno in molte regioni italiane.Forse anche in Sardegna anche se le temperature non saranno più come quelle del periodo estivo.Arriva quindi l'aria fredda e investirà il nostro Paese e gli esperti dicono che impegnerà anche la Sardegna e la Sicilia.Da oggi 22 ottobre arriveranno piogge(foto dal web/Social),temporali e freddo,addirittura arriverà anche la prima neve sull'Appennino centrale.Dal nord al sud dell'Italia ci sarà un calo termico anche di 6/10 gradi.Le regioni interessate,in questa prima fase,saranno le Marche,Molise,Abrusso,Lazio fino alla Puglia e colpirà parte della Sicilia.


VOLLEY,SI SPEGNE IL SOGNO DELLE
AZZURRE SCONFITTE DALLA SERBIA(3-2)

LE "RAGAZZE TERRIBILI" PERDONO
CON ONORE ALL'ULTIMO GUIZZO

NEI SOCIAL ESPLODE LA GIOIA E LA GRATITUDINE: "GRAZIE"

di Sonia Therry
(20-10-2018) Niente da fare per le azzurre e per l'Italia del volley è finito il grande sogno dell'oro ai mondiali del Giappone.Ha vinto la Serbia(3-2) ma l'Italia è stata ugualmente grande prendendosi l'argento e l'applauso finale per come ha giocato l'incontro ma anche per l'impronta di grande slancio e professionalità profuse in tutte le altre partite.C'era comunque la voglia di vincere i mondiali.Le azzurre vincevano 1 a 0,poi 2 a 1 ma alla fine,per minore esperienza e sicuramente per i troppi errori,hanno dovuto cedere il passo.I 34 punti di Egonu non sono bastati mentre sono state determinanti i "colpi" tremendi della Boskovic e della Mihajlovic.E sui Social impazza la gioia per le azzurre,incontrastate e magnifiche in tanti incontri.Poi esplode il "grazie" collettivo.Il ruolino di marcia delle italiane è comunque invidiabile con un percorso di tutto rispetto:in 13 partite ha totalizzato 11 vittorie.Ed è un grande biglietto da visita per il prossimo mondiale che si terrà a Tokyo nel 2010.


IN FINALE LE AZZURRE AI
CAMPIONATI MONDIALI

TUTTI PAZZI PER LA ITALVOLLEY,CINA KO
OGGI C'E' L'ORO CONTRO LA SERBIA

di Franco Vecchiarecchi
(19-10-2018)C'è un'Italia che ci piace e che ci fa urlare di gioia.E' l'Italia della volley femminile(
foto dal web/Social) che ha sconfitto in una semifinale indimenticabile la Cina,oro olimpico in carica,nel campionato mondiale in Giappone.Il risultato è clamoroso(3-2) ed è stato molto avvincente nelle due ore e mezza dell'incontro con sul podio due mattatrici di grande spessore come Egonu e Sylla ma sono state tutte le azzurre brave e determinate fino in fondo contro un avversario per niente facile.Adesso c'è l'oro,la finale,in programma alle ore 12,40 di sabato 20 ottobre contro la Serbia.

DOPO IL MEZZO NUBIFRAGIO
C'E' UN PO' DI TREGUA

IL MALTEMPO SI ATTENUA
E C'E' MENO PAURA

DECLASSATA L'ALLERTA
DA ARANCIONE A GIALLA


di Dario Piras
(18-4-20189 C'è una tregua e non c'è stata la tempesta del 18 ottobre o per lo meno non ci sono stati disastri come quelli del 10 ottobre.Da registrare che il tratto riparato del ponte crollato,che da Cagliari va a Capoterra fino a Domus de Maria,ha retto ma ci sono stati laghi in diversi punti mentre il fiume di Pula ha allagato la carreggiata.Situazione di emergenza anche a Costa Rei dove i Vigili del fuoco sono dovuti intervenire in diverse zone.C'è però un'altra criticità meteo che avanza e fotografa la situazione fino alle ore 24 di venerdi 19 ottobre.L'allerta,insomma,è stata declassata a gialla e non si parlerà più di nubifragio o tempesta anche se ci saranno rovesci e temporali sparsi(foto dal web/Social) nell'area meridionale della Sardega.Intanto però avanza un vortice proveniente dall'artico che investirà la nostra penisola e porterà aria fredda che chiuderà definitivamente la stagione estiva.Si parla di tracollo termino anche di 6-10 gradi rispetto ai giorni scorsi.Un pò meno per alcune regioni come la Sardegna.Tutto dovrebbe accadere già da questa domenica.


ALLERTA ROSSA NEL SUD DELLA SARDEGNA:SCUOLE E UFFICI CHIUSI
NUOVO FORTISSIMO
NUBIFRAGIO A CAPOTERRA

"NON MUOVETEVI DA CASA,
USCITE SOLO SE E' NECESSARIO"


di Carla Peis
(17-10-2018) Dopo otto giorni,e a due dalla riapertura del ponte crollato sulla 195 che da Cagliari va a Capoterra,torna nell'isola l'allerta rossa.Ciò significa che la criticità è massima(
foto dal web/Social) e durerà fino alla mezzanotte di oggi 18 ottobre.Il sud della Sardegna,quindi,nuovamente nell'occhio del ciclone e anche questa volta la tempesta farà paura così come è stata quell'altra,che sappiamo come è andata a finire,del 10 ottobre.La situazione meteo era iniziata con criticità arancione,un colore che gli esperti indicano come "pericolosa per cose e persone" ma la forza del nubifragio sarà tale che sarà rossa,criticità massima,e ciò significa che ci dobbiamo aspettare fenomeni estremi "molto pericolosi".Ci risiamo.Non abbiamo ancora chiuso un dramma che se ne apre un altro anche perchè la Sardegna non è stata mai pronta ad eventi di questa portata e l'arrivo di queste criticità estreme ci mette paura e ansia.Gli esperti ci dicono che il culmine della tempesta si raggiungerà a metà della giornata del 18 ottobre e l'acqua che cadrà sarà veramente tanta.Per questo motivo 17 sindaci della città metropolitana di Cagliari hanno firmato l'ordinanza,a seguito delle indicazione della Protezione Civile, che chiudono gli uffici pubblici quindi,tra l'altro, scuole,biblioteche,cimiteri e musei.E a Capoterra c'è nuovamente un fortissimo nubifragio.Paura e panico,insomma,continuano a regnare sulle persone ma anche sulle strade e sulle cose.



ADESSO I MIGRANTI
ARRIVANO DALLA FRANCIA

C'E' UN VIDEO SUL BLITZ DEI GENDARMI CHE SCARICANO IMMIGRANTI IN ITALIA

di Laura Pirlo
(15-10-2018) I numeri degli sbarchi in Italia sono drasticamente diminuiti(ma non in Sardegna che col fai-da-te in un solo giorno sono arrivati 66 algerini).Secondo i dati del Viminale gli immigrati arrivati nel 2018 sono stati 21.426 contro gli 108.384 del 2017 e i 144.574 del 2016.Una enorme differenza dovuta alla nuova politica di Salvini dei "porti chiusi".Chiusi i porti si aprono invece le frontiere.E' quello che sta accadendo al confine con la Francia(foto dal web/Social) dove un furgono della gendarmeria francese ha scaricato in una zona boschiva di Torino migranti di origine africana per poi passare nuovamente oltre il confine italiano.La notizia ha dell'assurdo e tutto,comunque,è stato filmato dalle telecamere della Digos in una zona montuosa,a Claviere,nel torinese controllata a dovere dalla polizia perchè è stato teatro ultimamente di vicende legate alla sinistra e agli anarchici.Il corposo rapporto è nelle mani della Magistratura ma la Farnesina ha subito richiesto i dovuti chiarimenti attivando l'ambasciatore di Francia in Italia.Si cerca di fare chiarezza e a molti questa situazione,se dovesse essere confermata,non piace anche perchè potrebbe non essere la prima volta che la gendarmeria francese compia le "missioni" per portare migranti di Francia in Italia.Insomma,si sono chiusi i porti e i francesi aprono i confini scaricandoci gli immigranti di origine africani,di contro,però,la Francia erge un muro al suo confine per non far entrare migranti da Ventimiglia.Quest'ultimo fatto contribuirà a inasprire i già burrascosi rapporti tra Italia e Francia.Il nostro ministro degli Interni e leader della Lega Salvini in passato aveva attaccato Macron e la sua politica che favoriva l'immigrazione nel nostro paese,vietando sbarchi sul proprio territorio e bloccando ogni tentativo di "solidarietà" da parte della Francia.Questa nuova vicenda avrà sicuramente degli sviluppi.Salvini è molto duro su quanto è accaduto:“Se qualcuno pensa davvero di usarci come il campo profughi d’Europa, violando leggi, confini e accordi, si sbaglia di grosso. Siamo pronti,assicura, a difendere l’onore e la dignità del nostro Paese in ogni sede e a tutti i livelli . Pretendiamo chiarezza,sottolinea, soprattutto da chi ci fa la predica ogni giorno, e non guarderemo in faccia a nessuno”.


METEO,DOPO UN WEEKEND
TRANQUILLO TORNA IL MALTEMPO

E' NUOVAMENTE INCUBO,IN ARRIVO
IN SARDEGNA ALTRO CICLONE
SARA' TERRIBILE COME L'ALTRO?

di Gigi Pinto
(14-10-2018) Ci risiamo:sono in arrivo nuovamente temporali e nubifragi.Un pò in tutta Italia,ma anche in Sardegna.E se la tempesta si annuncia sull'isola c'è da preoccuparsi non tanto per la pioggia in se ma perchè ultimamente l'ultimo nubifragio ha fatto danni enormi con una vittima,forse due.La tempesta del 10 ottobre sembra un ricordo non fosse altro perchè subito dopo abbiamo avuto un weekend buono e in molti di sabato sono andati al mare o in montagna.Adesso torna il maltempo e forse l'incubo.Gli esperti dicono che dopo quello di qualche giorno fa la nostra isola sarà interessata,da qui a fine mese,da due nubifragi ma non si sa se l'intensità sarà pari o minore di quello del 10 ottobre.Ma si dice anche che sarà semplicemente pioggia autunnale con qualche temporale.Già da oggi,lunedi 15 ottobre,arriveranno nubi nere dalla Spagna che ha dovuto subire un forte maltempo.

ALTRO CHE PORTI CHIUSI:DOPO LAMPEDUSA SBARCANO 66 ALGERINI IN SARDEGNA
LA CONDANNA DI PILI:SBARCHI INACCETTABILI E PREOCCUPANTI
"FERMARE IL FLUSSO DALL'ALGERIA
ALLA SARDEGNA E' UN DOVERE"


di Carlo Imbesi
(13-10-2018) Per prevenire le infiltrazioni terroristiche tra i migranti Salvini è pronto ad attivare un piano ultimativo che va oltre i "porti chiusi"(foto dal web/Social Continuano gli sbarchi di algerini in Sardegna).E' la seconda fase del ministro e leader della Lega che,visto i cali considerevoli di sbarchi,ha intenzione di intervenire sulla sicurezza,in pratica vorrebbe controllare le frontiere a sud.In pratica il Viminale non attende le decisioni dell'Europa,più volte attese ma mai decise per la frammentarietà dei paesi membri,e si spinge in maniera autonoma con l'obiettivo di dare più sicurezza sul flusso dei migranti.Saranno in questa fase impegnati la polizia e le Fiamme Gialle che avranno più poteri e svolgeranno un compito di grande attenzione e responsabilità.In attesa di questa "regia" si deve registrare il salvataggio di 70 mignanti a bordo di un barcone in avaria a 18 miglia da Lampedusa in acque di competenza maltesi.Malta,come al solito,non è intervenuta e l'Italia non aveva intenzione di farli sbarcare.Poi,dopo un tira e molla tra Italia e Malta la decisione del Viminale che ha autorizzato la Ong italiana Mediterranea a portarli in salvo a Lampedusa.Nella giornata di sbarchi da registrare,ancora una volta,66 algerini sbarcati in Sardegna nelle zone di mare tra S.Antioco e Teulada.La dura e ferma condanna di Mauro Pili,di Unidos,non si è fatta attendere:"Questo flusso di clandestini algerini verso la Sardegna è naccettabile e preoccupante".E conclude:"Bisogna fermare queste partenze e questi sbarchi, molto spesso si tratta di criminalità, che sbarca in Sardegna per delinquere!Fermare questo flusso dall’Algeria è un dovere, prima che diventi un pericolo".


NEI MUSEI ITALIANI E' IN ARRIVO
UN "TURISMO SOSTENIBILE"
UN ALGORITMO PER EVITARE LE CODE:ALLA GALLERIA DEGLI
UFFIZI CI SI ARRIVA CON UN APPUNTAMENTO PROGRAMMATO


di Marco Giovine
(9-10-2018) L'Italia è un paese turistico,potrebbe essere il salvagente ideale per tanti altri problemi.Si sa però che questa industria,florida nel periodo estivo un pò meno in quello invernale,stenta a decollare in maniera definitiva.Se funziona al nord,poco e male si esprime al sud mentre nelle isole maggiori,in modo particolare in Sardegna,ci sono delle criticità che non vengono sanate.Si potrebbe fare di più e dispiace che non ci sia un Ministero e le Regioni boccheggiano e spesso e volentieri non hanno idee vincenti.Naturalmente c'è turismo e turismo.C'è quello di mare,di montagna ma anche andare per i musei che in Italia va molto di moda ed è un trend che tira e la cultura diventa da qualche anno protagonista.C'è poi il problema della coda che è un punto non certo simpatico per arrivare a fluire del bene e spesso e volentieri le persone faticano,anche tre o quattro ore,per arrivare a destinazione(
foto dal web/Social).La tecnologia però viene in soccorso e per la galleria degli uffizi a Firenze si è testato per la prima volta un sistema basato su un algoritmo che prevede il meteo,l'importanza della mostra ma anche il profilo dei visitatori.L'obiettivo è quello di avere meno persone in coda perchè ogni visitatore riceverà un appuntamento programmato all'arrivo con un margine di errore di 15 minuti.Domenica scorsa si è testato questo algoritmo ed è stato un successo.Alla Galleria Pitti,ad esempio,le visite sono state più ordinate,con meno code ma soprattutto c'è stato un aumento dei visitatori del 22%.Il sistema è stato ideato da un team dell'Università degli Studi dell'Aquila guidato dal presidente Henry Muccini del Computer Studies Program e se il programma funziona,come ha funzionato domenica scorsa,ciò significa che potrebbe essere sdoganato e utilizzato in altri Musei.Bisognerebbe ottimizzarlo perchè evitare le code alle mostre sarebbe un bel salto in avanti per dare un ulteriore aiuto al turismo.


ALLARME RISCALDAMENTO GLOBALE,
ONU:12 ANNI PER LIMITARE LA CATASTROFE
OBIETTIVO 2 GRADI,ANZI 1,5 MA GLI ESPERTI CHIEDONO PIU' MISURE DRASTICHE

di Lea Dixon
(8-10-2018) L'allarme è questa volta dell'Onu che chiede un ulteriore sforzo per limitare il riscaldamento globale(foto dal web/Social).Il messaggio era per molti aspetti atteso solo che quello che forse si auspicava,anzi quello che era stato deciso da parte dei 195 paesi a Parigi tre anni fa,cioè limitare il riscaldamento globale a un massimo di 2 gradi avrà vita dura e sicuramente sarà complicato ottenerlo.Se arrivare al 2 gradi era la condizione ottimale per limitare il riscaldamento figuriamoci puntare a 1,5 gradi perchè anche in questo caso,per arrivarci,si rischierebbe,in peggio,un cambiamento globale senza precedenti.Ma si tratta però di un vero e proprio miracolo perchè il riscaldamento globale viaggia attualmente a 3 gradi invece di 2 mentre si vorrebbe che arrivasse a 1,5 gradi.Il motivo di una situazione anomala e peggiorativa è che i paesi che avevano deciso a Parigi di limitare le loro emissioni di gas serra hanno rivisto le loro promesse.Ci sono già studi che raccontano la salute della Terra a un riscaldamento globale a 1,5 gradi:più ondate di calore e precipitazioni estreme,impatti su ecosistemi sensibili(Barriere coralline e regioni polari),poi inondazioni e meteo estremo.A 2 gradi il livello del mare salirà di 10 centimetri rispetto a 1,5 gradi,molte specie animali spariranno e le precipitazioni e gli eventi si faranno sentire in maniera estrema con la quasi completa scomparsa delle barriere coralline di acqua calda.


LA FINE DEL MONDO E' VICINA,
UN FOTOREPORTER HA LE PROVE

LA PROFEZIA DI EZECHIELE
"PESCI NEL MAR MORTO,
UN PRESAGIO MISTICO"


di Gigi Pinto
(7-10-2018) La fine dei tempi è vicina?Sembrerebbe proprio così visto che si sta avverando la profezia di Ezechiele(Genesi 13:10) che,nell'Antico Testamento,racconta che l'acqua dolce scorrerà da Gerusalemme nel Mar Morto e ci saranno pesci,movimentando la vita nel deserto circostante.L'evento è considerato impossibile considerata l'elevata salinità del Mar Morto che impedisce lo sviluppo della vita,quindi niente pesci ma solo arcaebatteri e alghe.Un ambiente arido e inospitale situato nel vicino Oriente tra la Giordania,Cisgiordania e Israele nella regione storico-geografica della Palestina.Il Mare si trova nella depressione più profonda della Terra e per effetto dell'alta evaporazione delle sue acque,non compensate dagli immissari,è causa dell'alta salinità e si trova a circa 415 mt sotto il livello del mare e,secondo gli esperti,è destinato a sparire nel medio-lungo termine.La fine del mondo sarà prossima,dice la profezia di Ezechiele,quando il Mar Morto prenderà vita,forse ci siamo perchè un fotoreporter israeliano Noam Bedein del Dead Sea Revival Project sostiene di aver scoperto tra delle doline d'acqua dolce del Mar Morto delle forme di vita,inesistenti nella regione inospitale(ha una salinità del 37% quasi dieci volte più salato dell'oceano).Bedein e il suo team hanno documentato il cambiamento del Mar Morto negli ultimi due anni e ha spiegato spiegato: "In un luogo che era stato maledetto ai tempi della Bibbia - ha detto al Daily Star - , ora si possono esplorare le doline e, dove l’acqua si è ritirata, vedere i pesci(
foto dal web/Social) così come detto nella profezia di Ezechiele".



ANCORA ALGERINI:NUOVO
SBARCO DI MIGRANTI IN SARDEGNA


(7-10-2018) Due imbarcazioni distinte con a bordo 17 migranti(foto dal web/Social) sono sbarcati nel porto di Teulada(Sardegna).Erano oltre le 21 del 7 ottobre quando diverse persone hanno notato le figure di clandestini,impauriti ma sicuri,che dalla spiaggia si sono dileguate ancora prima che arrivassero le forze dell'ordine.Le barche utilizzate sarebbero state trovate verso la torre di Porto Budello.Sarà un problema adesso rintracciarli.I migranti potrebbero essere algerini e questo fatto confermerebbe una strategia per farli arrivare in Sardegna.


SONDAGGIO IPSOS,
VOLA IL CENTRODESTRA

INARRESTABILE LEGA,
ADESSO E' AL 34%

M5S E' AL 28,5% DOPO IL DEF

di Luca Berni
(6-10-2018) Più insultano Salvini(
foto dal web/Social) più il leader leghista prende voti e aumenta il consenso.Dopo quattro mesi la Lega,che con il M5S è al governo,è al top in tutti i sondaggi.L'ultimo realizzato dalla Ipsos per il Corriere della Sera,dice che il Carroccio continua ad andare avanti mentre segna il passo il M5S subito dopo la manovra e il Def.Secondo le intenzioni di voto,dice Nando Pagnoncelli della Ipsos,la Lega rimane saldamente su valori assai elevati intorno al 34% e il M5S è quotato al 28,5%.Un affanno che da metà luglio si concretizza in 3 punti.Troppi.Forse questa situazione è stata determinata,ultimamente,dalla bocciatura della Commissione europea sulle notizie del governo in merito alla legge di Bilancio,anche se palazzo Chigi minimizza e dice che con l'Europa c'è un clima sereno e un dialogo costruttivo.Il Pd è ancora in caduta libera e sembra non andare oltre il 17% nonostante l'impegno di diversi esponenti che,in maniera sparsa,cercano di mettere freno alle iniziative governative senza un progetto valido.Forza Italia è al 7,8% mentre Fratelli d'Italia continua a perdere terreno e si attesta al 2,4%.


NOBEL PER LA PACE
A MUKWEGE E MURAD

SCELTA CONDIVISA VERSO CHI HA COMBATTUTO LA VIOLENZA SESSUALE
E I CRIMINI DI GUERRA


di Lello Leo Cortes
(5-10-2018) Quest'anno non ci sono state polemiche per il Nobel per la Pace,come era successo per Obama, e tutti sono stati concordi sui nomi anche se la lista dei candidati,come ogni anno,è sempre lunga.Il Norwegian Nobel Institute di Oslo ha premiato per il 2018 il ginecologo congolese Denis Mukwege e Nadia Murad(
foto dal web/Social),vittima yazida dei crimini commessi dall'isis in Iraq.Queste le motivazioni del Nobel:Denis Mukwege "è un medico che ha trascorso gran parte della sua vita aiutando le vittime delle violenze sessuali nella Repubblica democratica del Congo. Mukwege e il suo staff hanno curato migliaia di vittime" e "ha ripetutamente condannato l'impunità per gli stupri di massa e ha criticato il governo congolese e quelli di altri Paesi per non aver fatto abbastanza per fermare l'uso della violenza sessuale contro le donne come arma di guerra".Mentre per Murad " ha usato la sua storia di schiavitù e stupro da parte dello Stato islamico per pubblicizzare le violazioni dei diritti umani".Il Comitato per il Nobel ha detto che entrambi "hanno messo a rischio la propria sicurezza personale combattendo coraggiosamente i crimini di guerra e garantendo giustizia alle vittime".La scelta del Comitato è stata ampiamente condivisa e dopo il premio dell'anno scorso assegnata alla Campagna internazionale per l'abolizione delle armi nucleari,si è preferito voltare pagina verso un argomento che ultimamente ha avuto una grande attenzione focalizzando tutto sull'abuso sessuale delle donne in guerra,sul posto di lavoro e nella società temi che sono stati evidenziati dal movimento "#MeToo".

DOPO LE ONG STRANIERE,ECCO
LA NAVE "MEDITERRANEA"

BRACCIO DI FERRO CON SALVINI,ADESSO SARA' L'ONG ITALIANA A SOCCORRERE IMMIGRANTI DALLA LIBIA

di Luca Berni
(4-10-2018) Dove non ci sono più le imbarcazioni di organizzazioni umanitarie per salvare gli immigrati,ci sarà "Mediterranea" una nave italiana che opererà al largo della Libia in una sfida senza quartiere contro il ministro degli interni Matteo Salvini(
foto dal web/Social).Sarà un braccio di ferro senza precedenti dopo la diminuzione degli sbarchi e dopo il blocco dei porti alle navi delle Ong non italiane.Adesso però le cose potrebbero complicarsi visto che ad occuparsi del salvataggio dei migranti ci sarà una imbarcazione battente bandiera italiana che metterà in difficoltà Salvini per impedirne l'attracco e quindi lo sbarco delle persone.Non più navi Ong straniere ma italiane per soccorrere donne,uomini e bambini al largo della Libia.Salvini ha già fatto sapere che anche la nave "Mediterranea" avrà lo stesso trattamento di quelle Ong straniere,quindi no sbarchi e no porti aperti.Stando la situazione messa in questi termini si annuncia una battaglia senza precedenti e tutto potrebbe sbloccarsi con aperture europee a meno che Francia e Germania non vogliano cogliere l'occasione per isolare ulteriormente l'Italia.La nave itaiana pro-migranti,sponsorizzata da Arci nazionale,Ya Basta di Bologna e la Ong tedesca Sea-Watch, fa parte di un progetto più ampio attrezzata "se necessario" per soccorrere chiunque rischi di morire in mare.E l'ufficio stampa della nave Mediterranea va oltre e dice:"Questa è una missione di disobbedienza morale, ma anche una obbedienza civile.Disobbediremo al nazionalismo e alla xenofobia. Invece obbediremo alla nostra costituzione, al diritto internazionale e alla legge del mare, che include salvare vite."



MALTEMPO IN ITALIA,
L'ESTATE E' FINITA
ALLERTA METEO IN SARDEGNA:
TEMPORALI E FORTE VENTO,NEL SARRABUS SCUOLE CHIUSE


di Danilo Perseu
(3-10-2018) Si direbbe proprio che l'estate è finita almeno per quanto riguarda il caldo afoso e le alte temperature.La nuova ondata di maltempo su tutta l'Italia(
foto dal web/Social) è partita da lunedi 1 ottobre interessando un pò tutte le regioni del nord e da mercoledi 3 ottobre l'allerta ha investito anche il Centro e il Meridione con le isole maggiori.La perturbazione di origine nord-europea ha iniziato a mettere sotto pressione la Sicilia dove nel pomeriggio di mercoledi 3 ottobre ha colpito Palermo e provincia con tanta forza mettendo in difficoltà la circolazione e allagando molte zone,stessa scena anche in altre città come Catania dove si sono registrati molti disagi.E dal 4 il maltempo scivolerà anche sulla Sardegna dove è già allerta arancione.Temporali e piogge di forte intensità ma anche venti forti da nord-est.Criticità per rischio idrogeologico sul bacino Flumendosa-Flumineddu.A causa dell'allerta nel Sarrabus c'è un'attenzione particolare tanto che i sindaci di Muravera,Castiadas,Villaputzu e San Vito hanno fatto chiudere le scuole di ogni ordine e grado,scuole aperte invece a Villasimius dove la Protezione civile non ha emanato l'allerta meteo.



E' LA PRIMA LUNA SCOPERTA AL
DI FUORI DEL SISTEMA SOLARE

IL SATELLITE "EXOMOON" E' GASSOSO COME IL SUO PIANETA ED E' LONTANO 8 MILA ANNI LUCE

di Francesco Corrias
(3-10-2018) Non è stato facile individuarla e per avere la certezza gli scienziati Kipping,della Columbia Unisersity di New York,e il suo collega Alex Teachey hanno analizzato dettagliatamente circa 300 pianeti molto distanti utilizzando il telescopio spaziale Kepler.La loro attività si è soffermata su alcuni dati anomali poi alla fine hanno concluso che c'è una luna(
foto dal web/Social) oltre il nostro sistema solare in orbita intorno a un gigantesco pianeta distante almeno 8 mila anni luce.Si sa,in maniera empirica,che i pianeti giganti hanno satelliti naturali,come le lune di Giove,quelle di Saturno o le lune di Urano e Nettuno.Le anomalie scoperte dagli scienziati erano identificate nel transito di un pianeta gassoso,kepler 1625b,che è più grande di Giove.Usando Hubble,Kipping e Teachey notarono luminosità della stella di 3,5 ore dopo il transito del pianeta ciò era coerente col sistema di un pianeta che ha la luna in orbita.La luna in questione ha una temperatura di 80°C e si pensa che sia composta da gas.La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science Advances.

LO SPREAD VA ALLE STELLE? SALVINI A JUNCKER "PARLO CON PERSONE SOBRIE"
ALTA TENSIONE SUL DEFICIT AL 2,4%
IL GOVERNO VA AVANTI,
"LE MINACCE NON CI FERMANO"


di Luca Berni
(2-10-2018) Nei giorni dell'approvazione della Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza(Def) i due partiti di governo viaggiano al 62%.Lega e M5S fanno il pieno nei sondaggi mentre il Pd raggiunge valori bassi in questa settimana(foto dal web/Social Salvini).E per la soglia di sbarramento delle Europee,che è al 4%,sarebbero al di sotto PiùEuropa(2,6%),Liberi e Uguali(2,4%) e Potere al Popolo(2,1%).Secondo quindi il sondaggio settimanale di Swg per il TgLa7 ci sarebbe un incremento di gradimento per la Lega che dal 32% del 24 settembre è passato al 32,2% il 1 ottobre,superando il M5S che aveva il 28,6% il 24 settembre mentre l'ultima rilevazione del 1 ottobre parla di un 29,8%.Secondo gli analisti sta pagando il reddito di cittadinanza,la flat tax,solo per le partite iva al momento, e la riforma pensione che cancellerebbe la Fornero.I sondaggi sono tutti dalla parte dei partiti di governo che in quattro mesi hanno messo a tacere i partiti tradizionali e soprattutto il partito democratico al di sotto del 16% e la tendenza è al ribasso considerando che il Pd non ha un programma decente ed è in cerca di un segretario forte.Per il momento non c'è traccia di un Centrodestra unito e neanche la possibilità che possa emergere a breve anche se i valori andrebbero oltre il 43%.Salvini e Di Maio volano e puntano a dare la spallata alla politica tradizionale.E se c'è gradimento in Italia non così si può dire in Europa dove c'è alta tensione sui mercati e tra Roma e Bruxelles.La manovra annunciata dal governo punta al deficit al 2,4% ed è subito bocciata con l'impennata dello spread che ha sfondato i 300 punti.I due leader governativi vanno avanti.Di Maio:"Le minacce non ci fermano" e Salvini,rivolgendosi a Jean-Claude Juncker,Presidente della Commissione, che aveva ipotizzato per l'Italia un rischio Grecia:" a «bere un paio di bicchieri d'acqua prima di parlare».

PILI "ENNESIMO TENTATIVO DI INCASSARE SOLDI DA NAVI NON PAGATE"
IL LEADER DI UNIDOS ANCORA
CONTRO TIRRENIA DI ONORATO

SUBITO ESPOSTO ALLA PROCURA PER
"LA COMPRAVENDITA INCREDIBILE"


di Gigi Sartori
(2-10-2018) Mauro Pili(foto e denuncia su facebook) ,di Unidos,ancora contro la compagnia Tirrenia di Onorato.Dopo i prezzi dei biglietti ecco la vendita delle navi che di per se non ha niente di strano ma se una nave,in modo particolare la "Aurelia",deve essere ancora pagata allo Stato,viene messa in vendita allora,dice l'ex parlamentare sardo,"si configura come un tentativo spregiudicato di disfarsi del patrimonio dello Stato senza aver ancora ottemperato agli obblighi economico finanziari di quella svendita della compagnia di navigazione al gruppo Onorato":Su Fb Pili fa sapere che presenterà "domani mattina(cioè il 3 ottobre) un esposto alla Procura della Repubblica di Roma per verificare eventuali omissioni,complicità,in una gestione di quella compravendita che assume ora dopo ora contorni inquietanti e incredibili.Com'è possibile che lo Stato consenta di mettere sul mercato navi non pagate e soprattutto non abbia ancora posto fine ad una convenzione violata in tutti i suoi punti fondamentali a partire dall'interesse pubblico".E Pili ha le prove e le pubblica e dice che la "nave Aurelia,compagnia Tirrenia,vendesi,per il prezzo contattare Unitramp Ship brokers" col contenuto:"vendesi in esclusiva il traghetto Aurelia:i nostri proprietari sono desiderosi di vendere e ci hanno incaricato di trovare compratori seri e certi".Pili è certo che così facendo sarebbe "un'azione tesa a svuotare il patrimonio di Tirrenia per poi lasciare insoluto con lo Stato un debito infinito che non potrà riacquisire quelle navi proprio perchè risulteranno vendute a terzi. Nelle scorse settimane avevo denunciato il tentativo di vendere tre navi a un fondo giapponese, tentativo mai smentito dalla compagnia di navigazione, tentativo mandato all'aria dopo che si è accertato che quelle navi non erano di fatto state pagate allo Stato"


TERREMOTO INDONESIA,BILANCIO
PROVVISORIO SALE A 1200 VITTIME

FOSSE COMUNI,CORSA CONTRO IL
TEMPO PER TROVARE SCOMPARSI

A DONGGALA,DOVE VIVONO 300 MILA PERSONE,ARRIVA UNA DEVASTANTE TROMBA D'ARIA

di Francesco Atzeni
(1-10-2018) I soccorsi(foto dal web/Social) sono estremamente complicati per la mancanza di energia elettrica ma anche per la impraticabilità del terreno dove non sono più tracciate le strade e la furia del terremoto e dello tsunami,che ha colpito venerdi scorso l'isola indonesiana di Sulawesi,ha spazzato tutto.Ufficialmente le notizie del governo continua a parlare di 844 morti e almeno 60 mila sfollati,ma i numeri sono molto di più con cifre che dicono che i morti al momento sono 1200,destinati comunque a salire perchè ci saranno da contabilizzare quelli delle zone più isolate dove i soccorritori non sono ancora arrivati.Dati sconvolgenti appaiono nella stampa locale e il quotidiano "The Jakarta Post" cita una notizia di almeno 2000 persone che sarebbero potute morire nei quartieri di Petobo,a dieci chilometri dalla capitale Palu,dal fenomeno "orizzontale" del fango che ha fatto muovere case e palazzi,distruggendo tutto e facendo fuggire gli abitanti.Le autorità credono che ci siano ancora centinaia di vittime sepolte.Ci si concentra sull'Hotel Roa-Roa dove c'è la speranza di trovare persone vive.Molte squadre di soccorso lottano contro il tempo per accedere alle aree colpite da questa immane tragedia soprattutto vicine all'epicentro del terremoto di magnitudo 7,1 e in modo particolare a Donggala dove vivono 300 mila persone e dalle immagini dall'alto si evidenzia la devastazione di molte zone colpite da una tromba marina.



DALLA CARTA STAMPATA AL WEB - TERZA PAGINA è ONLINE - LA PUBBLICITA' INSERITA E' PUBBLICATA GRATUITAMENTE | terzapagina_2006@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu